Napoli, Manfredi: ‘Ragioniamo con il Governo sul debito. Bisogna intervenire subito’

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Il debito di Napoli è una zavorra pesantissima. Stiamo ragionando con il Governo per capire quali sono i meccanismi migliori da utilizzare, ovviamente dobbiamo fare una ricognizione molto attenta della situazione che si è accumulata nel tempo e dev’essere ben definita, e poi subito partire perché abbiamo bisogno di intervenire subito”.

Lo ha detto il nuovo sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, intervenuto a Radio 24. Il debito del Comune di Napoli, ha spiegato Manfredi, “si è accumulato da oltre 20 anni e senza nessun intervento che sia stato capace di ridurlo. E’ una zavorra importante che non consente la spesa corrente, ma soprattutto ha bloccato la macchina amministrativa del Comune e questo non ci consente neanche di utilizzare le risorse del recovery plan, di poter fare anticipazioni e pagamenti. E’ una situazione molto difficile e credo sia nell’interesse di tutti aiutare il Comune, perché in questa maniera possiamo ripartire, creare sviluppo e anche creare anche opportunità che sono al servizio del Paese”.

“C’è grande unità nella coalizione, una visione programmatica molto coesa. Fino ad oggi è stata un’esperienza che ritengo molto positiva”. Lo ha detto Gaetano Manfredi, nuovo sindaco di Napoli, parlando a Radio 24 dell’ampia coalizione che ha sostenuto la sua candidatura alle elezioni amministrative, risultata vincente con oltre il 60% dei consensi.

    “Sia il Partito democratico che il Movimento 5 Stelle, insieme a forze moderate e forze riformiste – ha spiegato Manfredi – hanno dato un contributo importante. Io credo che il mix della coalizione che mi ha sostenuto rappresenti un po’ l’anima del progetto che noi abbiamo messo in campo e in cui le persone si sono riconosciute, cioè riuscire a coniugare uno sviluppo, una forte modernizzazione della città anche in chiave ecologica, sostenibile e digitale, con la necessità di essere inclusivi. Il Pd, il M5S, le forze riformiste e moderate hanno portato dentro alla nostra proposta politica i loro valori proprio per cercare di raggiungere questa sintesi”.

    Sul Napoli: “Da sindaco non che augurarmi che il Napoli vinca lo scudetto. Sarebbe la più grande soddisfazione per la città e per me stesso che la rappresento, ma anche una grande spinta di ottimismo”. E ancora: “Tornare a vincere è quello che io mi aspetto per la città, una Napoli nuovamente vincente, perché ha tutta la forza e l’energia per farlo”.






    LEGGI ANCHE

    Giallo sulla spiaggia di Capaccio: resti di un piede umano trovati da un turista

    Giallo a Capaccio Paestum, dove ieri mattina sulla spiaggia di Licinella, è stato fatto il macabro ritrovamento di resti ossei in riva al mare. Un turista tedesco, mentre passeggiava sulla battigia con il proprio cane, ha scoperto parte della tibia destra e un piede, molto probabilmente appartenenti a un uomo. E' scattato subito l'allarme e l'arrivo dei carabinieri della sezione scientifica che hanno prelevato il pezzo di piede. È difficile stabilire da quanto tempo i resti...

    Napoli, ancora mercatini della monnezza a Piazza Garibaldi

    Anche ieri Piazza Garibaldi è stata invasa dai mercatini della monnezza, nonostante la presenza della Polizia Municipale. Questo fenomeno ormai tradizionale ha continuato a verificarsi, suscitando preoccupazione tra i residenti e le autorità locali. L'automobilista che ha segnalato la presenza degli abusivi al deputato dell’alleanza Verdi-Sinistra Francesco Emilio Borrelli ha evidenziato come l'illegalità e il degrado stiano crescendo costantemente, portando la situazione verso un punto critico. Il deputato ha dichiarato che è necessario un intervento deciso e...

    Salerno: sequestrati beni a 5 imprenditori per truffa ad Invitalia

    La Guardia di Finanza di Salerno ha eseguito un sequestro conservativo di 5 unità immobiliari e 2 quote di partecipazione in persone giuridiche nei confronti di 5 imprenditori della provincia salernitana. Il provvedimento, disposto dalla Procura regionale per la Campania della Corte dei Conti, riguarda un'indagine su una presunta truffa ai danni di Invitalia, l'agenzia nazionale per lo sviluppo. Secondo gli accertamenti, gli imprenditori avrebbero illecitamente percepito contributi per oltre 950mila euro, rendicontando ad Invitalia spese...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE