Napoli, il legale del tabaccaio: ‘Dubbi sul suo stato mentale”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Ancora un colpo di scena nella vicenda del biglietto Gratta e Vinci da 500mila euro che Gaetano Scutellaro, ex titolare della tabaccheria di Materdei dove è avvenuta la vincita.

“Sto effettuando dei controlli: in passato e’ stato assolto dall’autorita’ giudiziaria in un paio di occasioni perche’ ritenuto incapace di intendere di volere”.

Si dice impegnato a verificare lo stato di salute mentale del suo cliente l’avvocato Vincenzo Strazzullo, legale di Gaetano Scutellaro, l’uomo di 57 anni sottoposto a fermo ieri dalla Procura di Napoli e successivamente chiuso in carcere, a Santa Maria Capua Vetere, dai carabinieri della compagnia “Stella” che ieri lo hanno rintracciato e bloccato in auto sull’autostrada A1 mentre di stava dirigendo verso Napoli.

    Scutellaro, che secondo quanto riferisce l’avvocato Strazzullo e’ sottoposto a delle cure, una volta giunto in aeroporto a Fiumicino “si e’ recato dalla Polizia: una mossa stupida se l’obiettivo era fuggire dall’Italia”.

    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Napoli, il tabaccaio di Materdei incastrato dai filmati e dalle intercettazioni

    Il professionista napoletano ritiene quindi eccessiva la sussistenza del pericolo di fuga invocata dagli inquirenti, posta alla base della misura cautelare in carcere, ed esprime perplessita’ anche riguardo ai reati contestati: il furto pluriaggravato e la tentata estorsione.

    [the_ad_group id=”289023″]

    [the_ad_group id=”289025″]

    “Il biglietto vincente – sostiene l’avvocato Strazzullo – e’ stato consegnato dalla signora nelle mani del mio cliente. Nessuno glielo ha sottratto con destrezza e neppure con la forza. Solo attraverso queste due modalita’ si sarebbero potuti configurare i reati di furto o rapina. Nutro dei dubbi – conclude Strazzullo – anche in merito all’ipotesi di tentata estorsione formulata dai pm”.

     






    LEGGI ANCHE

    Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

    Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

    Blitz a Pomigliano d’Arco: armi e droga, indagata famiglia peruviana

    A Pomigliano d'Arco, i carabinieri della stazione locale hanno condotto un blitz presso un'abitazione situata in via Mauro Leone. L'operazione ha coinvolto un'intera famiglia...

    Violentò una turista a Sorrento: arrestato tunisino

    Oggi, a Marsala, in Sicilia, i Carabinieri della Compagnia di Sorrento hanno eseguito un'ordinanza di custodia in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE