Napoli, il tabaccaio di Materdei incastrato dai filmati e dalle intercettazioni

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Incastrato dalle telecamere e dalle intercettazioni telefoniche l’ormai famoso tabaccaio ladro di Materdei è in carcere da ieri a Santa Maria Capua Vetere con l’accusa di furto pluriaggravato e, soprattutto, tentata estorsione.

I pm Stella Castaldo, Enrica Parascandolo, Daniela Varrone e l’aggiunto Pierpaolo Filippelli che stanno coordinando le indagini dei carabinieri della compagnia Stella hanno deciso il suo fermo perché Gaetano Scutellaro avrebbe potuto inquinare le prove ma soprattutto da uomo libero, dopo la prima denuncia a piede libero per furto, fuggire all’estero. E del resto lo stava già facendo visto che è stato bloccato in aeroporto mentre cercava di imbarcarsi su un volo diretta via Spagna a Fuertaventura alle isole Canarie.

Il 57enne, assistito dall’avvocato Vincenzo Strazzullo, dovrà spiegare ai magistrati la vicenda e soprattutto la richiesta di soldi alla anziana donna del suo quartiere titolare del biglietto vincente al Gratta e Vinci da 500mila euro.

    I magistrati hanno anche valutato il grado di pericolosità del personaggio coinvolto in alcune vecchie inchieste su rapine, però poi prosciolto, come quella finita nel sangue il 7 luglio del 1989 con la morte dell’imprenditore ternano Sergio Contessa. Dai social si evince un tenore di vita elevatissimo con viaggi continui in Thailandia, in Malesia, negli Emirati Arabi, sfoggio di costosi Rolex al polso, banchetti con ostriche e champagne ed altro.

    scutellaro

     

    Scutellaro è stato poi bloccato dai carabinieri della compagnia “Stella” di Napoli sul tratto casertano dell’A1, all’altezza di Teano, mentre a bordo della sua auto si stava dirigendo verso Napoli.

    [the_ad_group id=”289023″]

    [the_ad_group id=”289025″]

    Per tutta la mattinata di ieri ha cercato di sostenere che era stato lui ad acquistare il biglietto vincente e non l’anziana signora, incaricata solo di ritirare la vincita. In quella tabaccheria, infatti, cosi’ ha detto, non ci voleva entrare in quanto di proprieta’ di persone “sgradite”, vale a dire la ex moglie. Inoltre, ha aggiunto, non credeva che si trattasse di una somma cosi’ ingente. Pensava di avere vinto appena 500 euro.

    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Napoli, in stato di fermo il tabaccaio di Materdei

    Ma la sua versione della vicenda e’ risultata totalmente diversa da quella resa dalla vittima, oltre che non avvalorata dalle immagini dei sistemi di videosorveglianza del negozio e dalle dichiarazioni rese dai testimoni. Eppure Scutellaro, che tra l’altro è percettore di una pensione di invalidità, si era mostrato particolarmente sicuro quando a Fiumicino si e’ presentato negli uffici della Polizia per denunciare l’anziana, accusandola, falsamente, di avergli sottratto il tagliando fortunato.

    Intanto, in via Materdei, i residenti continuano ad essere bipartisan: c’e’ chi condanna Scutellaro senza appello e chi invece ne attenua le responsabilità affermando che davanti a una cifra simile e’ anche comprensibile perdere la testa. E stasera si aspetta anche l’estrazione del lotto. Il terno più giocato è stato 46, 72 e 89: il denaro, lo stupore e l’anziana.






    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE