Casoria, omicidio dell’innocente Antimo Giarnieri: a processo killer e 4 complici

SULLO STESSO ARGOMENTO

Casoria. Ucciso per uno scambio di persona la Dda di Napoli chiede il rinvio a giudizio per killer e complici che  la sera dell’8 luglio del 2020 uccisero il 19enne incensurato Antimo Giarnieri e ferirono gravemente un suo amico.

Con l’accusa di omicidio  e altri reati la Dda ha chiesto di processare Tommaso Russo ritenuto l’esecutore materiale dell’agguato avvenuto sotto i portici del Parco Smeraldo a Casoria. Obiettivo dell’agguato doveva essere Ciro Lucci, uno che si era messo in testa di gestire una piazza di spaccio proprio in quella zona che invece era controllata dal gruppo criminale capeggiato da Salvatore Barbato, detto Totore o cane, legato al clan Moccia.

Oltre a Russo il provvedimento di richiesta di giudizio è stato notificato anche a Ciro Sannino, detto spavuzziello (attualmente detenuto perché autore con Tommaso Russo di due estorsioni ai danni di spacciatori che non volevano pagare la tassa alla cosca di Salvatore Barbato).

    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Agguato di Casoria: il killer di Giarnieri riconosciuto in strada da un testimone

    E infine gli altri tre sono, Gennaro Sorrentino, Alessandro Caccavallo e Giorgio Piscopo, che fornirono a Tommaso Russo l’auto utilizzata per l’omicidio di Antimo Giarnieri e la successiva distruzione del veicolo dato alle fiamme. Sono tutti e tre liberi.

    (nella foto da sinistra la vittima innocente Antimo Giarnieri e il killer Tommaso Russo)






    LEGGI ANCHE

    Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

    Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

    Napoli, “Se non mi date i soldi vi uccido”, 5 studenti minacciati con un coltello da un presunto camorrista

    Nella recente rapina avvenuta a Napoli, 5 studenti ventenni sono stati minacciati da un individuo mentre si preparavano a riprendere l'auto parcheggiata in via...

    Nola, fatture false: sequestrati circa 8 milion i di euro a società di commercio alcolici

    Stamane i militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal Giudice...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE