Fiaccolata per Gennaro Leone, il pugile 18enne ucciso a Caserta

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il corteo per stringersi attorno alla famiglia di Gennaro  Leone e manifestare la propria vicinanza partire da piazza Dante a Caserta alle ore 20 di sabato 4 settembre. L’invito a tutti i partecipanti è quello di indossare una maglietta bianca.

“Speriamo soprattutto nella partecipazione dei giovani della nostra città” si legge nelle note degli organizzatori, tra cui c’è anche il Comitato Vivibilità di Caserta. “A loro rivolgiamo le nostre speranze ed impegno affinché il futuro possa non essere più segnato da eventi così dolorosi e tragici.

Abbiamo denunciato, abbiamo tante volte posto all’attenzione a chi di dovere, di quanto la situazione in città, a causa della movida selvaggia, della mancanza di controlli e dell’abuso di alcol dei giovani e giovanissimi, stesse diventando un problema sociale serio da risolvere al più presto per evitare tragedie. Purtroppo non ce l’abbiamo fatta. Nessuno ci ha ascoltato e Gennaro, un giovane di 18 anni è morto accoltellato, nel centro storico della nostra città in un sabato sera qualunque”.






LEGGI ANCHE

Napoli, tragedia di San Giovanni a Teduccio, raccolta fondi on line per i figli rimasti orfani

È partita una raccolta fondi organizzata da Antonio Molisso sulla piattaforma  GoFundMe per aiutare i figli della coppia di san Giovanni a Teduccio morta...

Avellino, scoperti telefoni e droga nella cella del boss

La polizia penitenziaria ha effettuato una perquisizione straordinaria nella cella di un boss della camorra all'interno del carcere di Avellino, dove sono stati scoperti...

Salerno, bancarotta fraudolenta: misura cautelare per imprenditore e commercialista

Salerno. Divieto di esercitare l'attività imprenditoriale e ricoprire cariche direttive: misura cautelare personale per due soggetti. Nel contesto di un'ordinanza applicativa di misura cautelare personale,...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE