Al via ‘Cinema Unesco sotto le stelle’

SULLO STESSO ARGOMENTO

Dal 7 agosto al 15 settembre si svolgerà “Cinema Unesco sotto le stelle“, la rassegna cinematografica a cura di Arci Movie: 40 serate nel cortile del convento di San Domenico Maggiore, con ingresso gratuito e prenotazione obbligatoria.

Ad inaugurare la rassegna sarà la proiezione del film “Osannaples” dedicato al gruppo rock napoletano dalla regista Deborah M. Farina. Cuore della rassegna saranno percorsi tematici attraverso la cinematografia nazionale e internazionale: in tutto ben 37 film, con grande attenzione riservata a 10 film campani e napoletani nell’ottica di valorizzare luoghi e territori che fanno parte del patrimonio Unesco.

Nove titoli di grandi autori internazionali selezionati e premiati ai principali festival di cinema mondiali, 5 opere del cinema italiano con uno sguardo importante sui giovani autori, 6 grandi classici del cinema in versione restaurata ottenuti dalla collaborazione con la Cineteca di Bologna, 7 documentari che spaziano dalle produzioni estere a quelle di giovani promesse italiane.

    Tra i titoli di particolare rilievo: “Richard Jewell” di Clint Eastwood; “Dolor y Gloria” del regista spagnolo Pedro Almodovar; “Le sorelle Macaluso” di Emma Dante, acclamato all’ultima Mostra del Cinema di Venezia; “Il buco in testa” di Antonio Capuano, presentato allo scorso Torino Film Festival e premiato con il Nastro d’Argento a Teresa Saponangelo come miglior attrice; “Il disprezzo” di Jean-Luc Godard.

    E ancora “Nomad- Il cammino di Bruce Chatwin” ultima fatica documentaristica di Werner Herzog; “Madre” di Rodrigo Sorogoyen, film pluripremiato e candidato agli Oscar; “Nevia” di Nunzia De Stefano, opera prima selezionata alla Mostra del Cinema di Venezia; “Babyteeth -Tutti i colori di Milla” di Shannon Murphy, vincitore di 6 premi sempre a Venezia; “Aperti al pubblico” di Silvia Bellotti, documentario indipendente premiato in tutto il mondo; “La vita nuda” di Alfonso Postiglione, una recente e interessante produzione tra cinema e teatro prodotta dal Teatro Stabile di Napoli.






    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE