Uccise Ornella Pinto e scappò, Iacomino confessa al processo

SULLO STESSO ARGOMENTO

Uccise Ornella Pinto e scappò, Iacomino confessa al processo: per l’accusa fu omicidio premeditato.

Uccise la ex moglie dalla quale si stava separando: confessa l’omicidio dinanzi ai giudici della prima Corte d’Assise del Tribunale di Napoli, Giuseppe Pippotto Iacomino, l’uomo accusato di omicidio volontario e premeditato per il delitto avvenuto tra il 12 e il 13 marzo scorso nel quartiere Arenaccia di Napoli.

Ornella Pinto, 39 anni, fu trovata dai familiari in una pozza di sangue e trasportata in ospedale dove i medici tentarono invano di salvarla. Quindici coltellate devastanti la condussero alla morte.

Stamane Iacomino che quella notte, intorno alle 4 del mattino, dopo l’aggressione scappò a Terni e si costituì ai carabinieri ha confessato nuovamente il delitto, una decisione che potrebbe evitargli l’ergastolo qualora i giudici credano alla sua versione e cioè che quel delitto non era premeditato.



    Uccise Ornella Pinto e scappò, Iacomino confessa al processo

    Iacomino ha infatti sostenuto in aula che agì in preda ad un raptus e non come sostiene l’accusa con fredda premeditazione, colpendo la ex a sangue freddo o nel sonno. Pippotto Iacomino ha aggiunto di non avere portato con sè il coltello, ma di averne utilizzato uno che era in casa, in cucina. Dopo aver pugnalato a morte la compagna dalla quale si stava separando, guidò per oltre 300 chilometri prima di consegnarsi ai carabinieri di Terni. Lascò in casa la donna agonizzante e il loro figlioletto di 4 anni.

    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Napoli, la procura vuole il processo immediato per l’assassino di Ornella Pinto

    Il pm Raffaello Falcone, titolare delle indagini sulle cosiddette fasce deboli, nel chiedere il giudizio immediato per Iacomino, a maggio scorso, ha sostenuto che che l’uomo aveva premeditato il delitto portando con sè il coltello. Non al culmine di una lite e in preda ad un raptus così come ha sostenuto l’imputato sia nella prima confessione che in aula questa mattina.

    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Commozione ai funerali di Ornella: la bara sulle spalle delle ‘Guerriere’

    Dunque, per la procura di trattò di un omicidio premeditato e compiuto con ferocia, nonostante in casa vi fosse il figlioletto della coppia. La maestra Ornella Pinto fu uccisa con 15 coltellate colpita nel sonno o comunque a sangue freddo con premeditazione. 


    Torna alla Home


    Arbitri Serie A: a Colombo il derby tra Milan e Inter, Manganiello dirige il Napoli

    Il tanto atteso derby milanese tra Milan e Inter, che potrebbe decretare lo scudetto per i nerazzurri, sarà diretto da Andrea Colombo. Il posticipo della 33esima giornata, in programma lunedì alle 20.45 a San Siro, vedrà il fischietto della sezione di Como guidare la sfida tra le due squadre...

    La denuncia di Confesercenti Campania: “Il mercato del falso sottrae 200 milioni di euro all’anno alle attività in regola”

    Confesercenti Campania alza la voce contro la contraffazione diffusa nel commercio, un fenomeno che provoca ingenti danni alle attività commerciali che pagano le tasse, rispettano le leggi e vendono prodotti in regola. Secondo il centro studi di Confesercenti Campania, si stima che il mercato del falso eroda a Napoli circa...

    Fondazione Banco Napoli: visita console Usa per portare il museo negli States

    Napoli e Stati Uniti ancora più vicini. Domani alle 12 a Palazzo Ricca, sede della Fondazione Banco Napoli, è in programma la visita istituzionale della Console Generale USA a Napoli Tracy Roberts-Pounds, che potrà ammirare il capolavoro di Caravaggio in mostra “La presa di Cristo” e il museo dell’archivio...

    Clamoroso a Barcellona: tifosi blaugrana prendono a sassate il bus della propria squadra scambiandolo per quello del PSG

    Momenti di tensione ieri sera a Barcellona prima della semifinale di ritorno di Champions League tra i blaugrana e il Paris Saint-Germain. Un malinteso tra i tifosi della squadra catalana ha causato un episodio spiacevole: credendo di bersagliare il bus della squadra avversaria, hanno invece colpito con sassi, fumogeni...

    Scoperto il tariffario della malavita romana dettato dal boss napoeltano Michele Senese o’ pazzo

    Eccolo il tariffario della malavita romana scoperto dagli investigatori che hanno fatto luce su una serie di omicidi eccellenti voluti nella maggior parte dei casi dal boss napoletano Michele senese detto 'o pazzo. Dai 40mila euro per un omicidio "Normale" ai 150mila per uccidere uno eccellente come il narcotrafficante albanese...

    IN PRIMO PIANO