Uccise Ornella Pinto e scappò, Iacomino confessa al processo

SULLO STESSO ARGOMENTO

Uccise Ornella Pinto e scappò, Iacomino confessa al processo: per l’accusa fu omicidio premeditato.

Uccise la ex moglie dalla quale si stava separando: confessa l’omicidio dinanzi ai giudici della prima Corte d’Assise del Tribunale di Napoli, Giuseppe Pippotto Iacomino, l’uomo accusato di omicidio volontario e premeditato per il delitto avvenuto tra il 12 e il 13 marzo scorso nel quartiere Arenaccia di Napoli.

Ornella Pinto, 39 anni, fu trovata dai familiari in una pozza di sangue e trasportata in ospedale dove i medici tentarono invano di salvarla. Quindici coltellate devastanti la condussero alla morte.

Stamane Iacomino che quella notte, intorno alle 4 del mattino, dopo l’aggressione scappò a Terni e si costituì ai carabinieri ha confessato nuovamente il delitto, una decisione che potrebbe evitargli l’ergastolo qualora i giudici credano alla sua versione e cioè che quel delitto non era premeditato.

    Uccise Ornella Pinto e scappò, Iacomino confessa al processo

    Iacomino ha infatti sostenuto in aula che agì in preda ad un raptus e non come sostiene l’accusa con fredda premeditazione, colpendo la ex a sangue freddo o nel sonno. Pippotto Iacomino ha aggiunto di non avere portato con sè il coltello, ma di averne utilizzato uno che era in casa, in cucina. Dopo aver pugnalato a morte la compagna dalla quale si stava separando, guidò per oltre 300 chilometri prima di consegnarsi ai carabinieri di Terni. Lascò in casa la donna agonizzante e il loro figlioletto di 4 anni.

    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Napoli, la procura vuole il processo immediato per l’assassino di Ornella Pinto

    Il pm Raffaello Falcone, titolare delle indagini sulle cosiddette fasce deboli, nel chiedere il giudizio immediato per Iacomino, a maggio scorso, ha sostenuto che che l’uomo aveva premeditato il delitto portando con sè il coltello. Non al culmine di una lite e in preda ad un raptus così come ha sostenuto l’imputato sia nella prima confessione che in aula questa mattina.

    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Commozione ai funerali di Ornella: la bara sulle spalle delle ‘Guerriere’

    Dunque, per la procura di trattò di un omicidio premeditato e compiuto con ferocia, nonostante in casa vi fosse il figlioletto della coppia. La maestra Ornella Pinto fu uccisa con 15 coltellate colpita nel sonno o comunque a sangue freddo con premeditazione. 



    telegram

    LIVE NEWS

    Napoli. Un incontro tra sindacati, Asia e Comune per definire il numero di nuovi operatori ecologici

    Secondo Diego Venanzoni, consigliere regionale della Campania del gruppo...
    DALLA HOME

    Atlante dell’Arte Contemporanea: un pilastro dell’arte italiana

    L'Atlante dell'Arte Contemporanea, recentemente ristampato da Giunti editore e disponibile nelle librerie, continua a rappresentare, sin dal 1940, un punto di riferimento imprescindibile per esperti e appassionati d’arte italiana. Presentazione a Firenze Da qualche giorno è stata presentata presso il teatro-libreria Giunti Odeon di Firenze la nuova edizione dell’Atlante dell’Arte...
    TI POTREBBE INTERESSARE

    ULTIME NOTIZIE