Teano Notte dei Musei: all’archeologico la cantata scenica ‘Del mio mal superbo’

SULLO STESSO ARGOMENTO

Debutta a Teano Notte dei Musei presso il Museo archeologico di Teanum Sidicinum il 3 luglio la cantata scenica “Del mio mal superbo”.

L’opera ispirata alla vicenda umana e artisticadella poetessa del Cinquecento Isabella Morra, personaggio femminile al centro del progetto “Apulian Mistery” vincitore del bando Puglia Sounds Tour Italia 2020/2021 apre quindi Teano Notte dei Musei

L’evento della manifestazione Teano Notte dei Musei si inserisce e arricchisce la programmazione musicale in terra di lavoro“Summer Concert”a cura dell’associazione “Anna Jervolino” e dall’Orchestra da Camera di Caserta con il sostegno del Ministero della Cultura e della Regione Campania.

Il debutto di Teano Notte dei Musei

Dopo il debutto a Teano, l’evento proseguirà il tour in altre località del MeridioneItalia. La cantata scenica in due parti è eseguita dall’ensemble pugliese Florilegium Vocis diretto da Sabino Manzo per celebrarela poetessa lucana del Cinquecento rivalutata da Benedetto Croce.

    Lo spettacolo è impreziosito dall’esecuzione dei madrigali del barese Pomponio Nenna, ma anche di Gesualdo da Venosa e Claudio Monteverdi, musiche finalizzate a ricreare il clima in cui visse la sfortunata letterata,uccisa dai tre fratelli perché sospettata di avere una relazione con un uomo sposato, il nobile (anche lui poeta) Diego Sandoval de Castro. Lo spettacolo prevede un adattamento teatrale dal dramma “Isabella Morra” dello scrittore franceseAndrèPieyre de Mandiarguesfirmato da Nicolò Marzocca, che cura anche la regia, con il Florilegium Vocis affiancato da Fabio Armenise all’arciliuto, dall’attore Giordano Cozzoli e dalla ballerina Simona Lattanzi. Importante la collaborazione dei Figuranti di San Nicola di Bari, cui si devono gli abiti di scena.

    Il progetto s’intitola “Apulian Mystery” perché è in Puglia che nasce l’incontro tra la magia della musica e il racconto, il fantastico e il realismo di storie dimenticate, come quella di Isabella Morra, rimasta nell’oblio per quattrocento anni. Una poetessa dalla vita breve, spezzata dai suoi stessi fratelli.

    Isabella nasce probabilmente nel 1520,figlia del feudatario di Valsinni (allora la poverissima Favale), il nobile napoletano Gian Michele di Morra, egli stesso umanista e poeta di origini normanne, schierato con i francesi per il possesso del Regno di Napoli contro gli spagnoli di Carlo V. Ma l’esito della guerra, con i francesi sconfitti, costringe Gian Michele all’esilio a Parigi con uno dei figli, mentre Isabella, rimasta a Valsinni con la madre e gli altri fratelli, vive una vita di solitudine nel castello di famiglia ricevendo, però, una solida educazione letteraria.

    Teano Notte dei Musei

    Teano Notte dei Musei
    Teano Museo Archeologico

    Ed è proprio con la complicità del suo precettore che stringe una relazione (forse solo epistolare) con Diego Sandoval de Castro, governatore di Cosenza con un possedimento nel feudo di Bollita (oggi Nova Siri). Anche lui poeta, nel 1542 ha pubblicato un volume di rime di Petrarca,autore caro a Isabella.

    Ed è probabilmente nel segno dello scrittore aretino che tra i due scocca immediatamente l’intesa. Leggenda vuole che la relazione amorosa sia all’origine dell’assassinio di lei, ma non è escluso che la vera causa debba farsi risalire ad un altro tipo di intesa. Tra Isabella e don Diego ci sarebbe, infatti, un accordo per l’occupazione armata del feudo di Favale. Un tradimento punito dai fratelli di lei con il sangue. Ma, tra leggenda e realtà, le ragioni vere rimangono un mistero, mentre da un secolo non è più un segreto l’arte poetica di Isabella, dimenticata per secoli e riscoperta agli inizi del Novecento dal linguista Angelo de Gubernatis, che la paragona a Saffo e ne fa un emblema di donna vittima di violenza domestica.

    È lui a segnalare a Benedetto Croce non solo la vicenda umana della poetessa triste, ma soprattutto l’altezza della sua produzione letteraria, caratterizzata da quella vena tetra e da quella carica drammatica perfettamente corrispondenti al suo vissuto quotidiano.

    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE Al Parco Archeologico di Pompei partono gli eventi estivi

    Le altre sedi:

    · 4 luglio (ore 21) nel Palazzo d’Avalos, a Vasto, in provincia di Chieti

    · 9 luglio (ore 20) nel chiostro del Convento di San Francesco, a Irsina, in Basilicata

    · 10 luglio (ore 20) nel chiostro della Chiesa di San Rocco, a Matera

    · 11 luglio (ore 20) nella chiesa di San Pietro Apostolo, a Campobasso.






    LEGGI ANCHE

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

    Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

    Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

    Napoli, tragedia di San Giovanni a Teduccio, raccolta fondi on line per i figli rimasti orfani

    È partita una raccolta fondi organizzata da Antonio Molisso sulla piattaforma  GoFundMe per aiutare i figli della coppia di san Giovanni a Teduccio morta...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE