Collettore fogne sequestrato

Collettore fogne sequestrato nel Casertano: il sequestro e’ frutto di una analisi dei pm delle criticita’ ambientali di quel territorio.

______________________________

Collettore fogne sequestrato nel Casertano: era danneggiato

Il gip di Santa Maria Capua Vetere ha disposto il sequestro preventivo della condotta fognaria di Cancello e Arnone. L’indagine e’ relativa all’omessa manutenzione ed esecuzione di lavori necessari ad assicurare l’adeguato funzionamento dell’impianto di collettamento dei reflui di Santa Maria La Fossa, Grazzanise e Cancello e Arnone, con il conseguente collassamento del collettore in piu’ tratti e compromissione e deterioramento di acque, suolo e sottosuolo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Autocarro del latte si ribalta in provincia di Caserta

Il decreto e’ stato firmato il 30 giugno scorso, ma solo oggi i carabinieri del Noe di Caserta ne hanno dato esecuzione, nominando custode giudiziario i sindaci dei tre comuni interessati.

Collettore fogne sequestrato

Collettore fogne sequestrato

Collettore fogne sequestrato

Il sequestro e’ frutto di una analisi dei pm delle criticita’ ambientali di quel territorio. Il collettore fognario si snoda lungo un percorso rettilineo di circa 6 chilometri, seguendo la strada provinciale di Santa Maria a Cubito e connettendo la rete fognaria di Cancello e Arnone con il depuratore di Villa Literno nel quale confluiscono anche reflui di Grazzanise e Santa Maria La Fossa con un sistema di pompe di sollevamento.

Invece, per i tratti ammalorati del collettore, i reflui confluivano in canali di bonifica non depurati finendo nei Regi Lagni e da quelli al mare, inquinando le acque e l’ambiente. Le analisi dell’Arpac delle acque inquinate per la mancata depurazione, con prelievi in piu’ punti del collettore fatti dai carabinieri, hanno mostrato livelli di Bod5, tensioattivi, azoto, fosforo ed escherichia coli oltre limiti di legge.


Di Chiara Carlino

Ti potrebbe interessare..