Caserta, Villaggio dei Ragazzi: verso il concordato con i creditori

SULLO STESSO ARGOMENTO

Caserta. La sezione fallimentare del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha fissato per il 22 settembre prossimo l’udienza di omologa del concordato preventivo in continuita’ aziendale per la Fondazione “Villaggio dei Ragazzi” di Maddaloni, storica istituzione scolastica del Casertano fondata nel 1946 dal sacerdote don Salvatore D’Angelo, amata e tante volte visitata da Giulio Andreotti.

Negli ultimi anni pero’ il Villaggio dei Ragazzi, che ospita istituti superiori e un Convitto per ragazzi in difficolta’, e’ andato in crisi per i debiti milionari con i fornitori, e cosi’ e’ intervenuta la Regione Campania che ne ha affidato la gestione ad un Commissario erogando i fondi necessari per assicurarne la continuita’.

Il Villaggio ha comunque rischiato di andare vicino al fallimento, che al momento sembra essere scongiurato con il possibile ricorso al concordato preventivo. “L’omologa, qualora decretata – spiega il commissario della Fondazione, Felicio De Luca – rappresenterebbe un risultato straordinario, i cui meriti vanno certamente ai dipendenti, al presidente della Regione De Luca, all’assessore Fortini, e a tutti coloro che hanno sempre creduto in un percorso difficile ma possibile. Aspettiamo fiduciosi il prossimo 22 settembre, certi che tutto si concluda positivamente”.






LEGGI ANCHE

Sparatoria Milano: ai domiciliari il trapper Shiva

Decisione del gip, indagato anche per rissa a San Benedetto

Nola, fatture false: sequestrati circa 8 milion i di euro a società di commercio alcolici

Stamane i militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal Giudice...

Torre del Greco, faceva prostituire la compagna e mamma di suo figlio: arrestato

L'uomo, di 29 anni, a volte costringeva la compagna di soli 21 anni a guardare mentre faceva sesso con altre donne

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE