sindacati Whirlpool De Luca
______________________________

Whirlpool. Fim-Fiom-Uilm: “Governo blocchi procedura di licenziamento”

“All’incontro convocato oggi dal Ministero dello Sviluppo economico, con in contemporanea lo sciopero di 8 ore e blocco delle produzioni in tutti gli stabilimenti Whirlpool, la multinazionale ha ribadito l’intenzione di procedere il primo di luglio con l’apertura della procedura di licenziamento per i lavoratori di Napoli, che come noto ha una durata di 75 giorni prima di sfociare nella risoluzione dei rapporti di lavoro.

Nell’accordo sottoscritto nel 2018 e in vigore fino al 31 dicembre 2021, l’azienda si impegnava a non aprire procedure di licenziamento collettivo a fronte della ingente disponibilità di ammortizzatori sociali in deroga su tutto il Gruppo. L’apertura della procedura di licenziamento collettivo su Napoli rappresenterebbe un ennesimo atto unilaterale di violazione dell’accordo da parte dell’azienda che impedisce ai soggetti al tavolo di poter continuare un confronto che non sia condizionato dai tempi della procedura e dalla minaccia della perdita dei posti di lavoro e che mette in discussione la credibilità dell’azienda stessa.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Whirlpool, i sindacati: ‘Ora il governo scongiuri i licenziamenti’

LEGGI ANCHE  M5S, Iovino: “Modificare l’emendamento che estromette tra i requisiti i tirocinanti ex articolo 73”

Pertanto chiediamo all’azienda di abbandonare la strada dei licenziamenti affinché il confronto possa proseguire in modo costruttivo.

La disponibilità aziendale a supportare generici progetti di reindustrializzazione nel sito di Napoli non può in alcun modo rappresentare un punto di partenza utile per dare una risposta ai lavoratori coinvolti in questa drammatica vertenza.

whirlpool

Foto di repertorio

Per questo ribadiamo la richiesta all’azienda di non aprire la procedura di licenziamento collettivo e chiediamo al Governo un intervento per scongiurare questo e altri atti che potranno accadere dopo la fine del blocco dei licenziamenti.”

Lo dichiarano in una nota unitaria Massimiliano Nobis, segretario nazionale Fim-Cisl, Barbara Tibaldi, segretaria nazionale Fiom-Cgil e Gianluca Ficco, segretario nazionale Uilm-Uil.


Di Chiara Carlino

Poste Italiane, dal 25 giugno in pagamento le pensioni di luglio

Notizia Precedente

Trecase: individuato presunto rapinatore seriale

Prossima Notizia


Altro Lavoro


Ti potrebbe interessare..