Sputa in faccia alla richiesta di indossare la mascherina : 10 anni di carcere

SULLO STESSO ARGOMENTO

Succede in USA, a Des Moines, nell’Iowa. Il fatto è avvenuto a novembre del 2020. Una banale richiesta di indossare la mascherina è sfociata in una reazione brutale

Il fatto è accaduto a novembre dello scorso anno in USA , a Des Moines, nell’Iowa . Ad un uomo di 42 , mentre faceva shopping , gli viene chiesto di indossare correttamente la mascherina protettiva.

L’uomo però reagisce brutalmente alla richiesta di indossare la mascherina ; rincorre il malcapitato nel parcheggio del negozio, lo butta a terra , gli cava un occhio e gli sputa in faccia e iniziando a tossire gli urla “se ce l’ho io, ce l’hai anche tu!“, riferendosi al coronavirus.

TI POTREBBE INTERESSARE Madre e figlia autistica cacciate dal bar perché la piccola senza mascherina

    Denunciato immediatamente ora è arrivata la condanna a dieci anni di carcere. Una dall , una delle sentenze più severe in merito alle controversie sull’uso dei dispositivi di protezione anti covid sorte durante la pandemia.

    Un atteggiamento molto pericoloso quello di non indossare le mascherine protettive negli Stati Uniti .

    Infatti proprio qualche giorno fa è stato segnalato dalle compagnie aeree americane un aumento considerevole del comportamento indisciplinato dei passeggeri che non rispetterebbero il mandato federale di indossare una copertura per il viso.

    Fonte 


    DALLA HOME

    Castellammare, il pentito: “Quel giorno non dovevamo uccidere Tommasino ma gambizzare un imprenditore”

    Castellammare. Il pomeriggio del 3 febbraio del 2009 Gino Tommasino non doveva morire. Il commando di killer del clan D'Alessandro era in giro per compiere un'altra missione: dovevano gambizzare il titolare dei campi di calcetto che si trovano a pochi metri dall'abitazione del consigliere comunale del Pd poi ucciso. Ma...

    CRONACA NAPOLI

    LEGGI ANCHE