______________________________

I beni del contrabbandiere Rocco Cafiero sono finiti sotto sequestro.

Il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli ha proceduto, su disposizione della Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Napoli, al sequestro, tra Marano di Napoli e San Remo (Imperia), di un ingente patrimonio del valore di oltre 2 milioni di euro riconducibile ad uno storico contrabbandiere di sigarette.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Napoli, processo da rifare per la morte di Genny Cesarano

Le Fiamme Gialle hanno acquisito al patrimonio dello Stato 3 immobili, oltre a beni mobili di lusso e disponibilità finanziarie, riconducibili al napoletano  Rocco Cafiero detto “O’ Capriariello”, condannato nel 1987 dalla Corte di Appello di Bologna per contrabbando di tabacchi lavorati esteri, nel 1988 dalla Corte di Appello di Palermo per associazione per delinquere e per associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti e nel 1993 dal Tribunale di Roma per contrabbando.

LEGGI ANCHE  Osservatorio per lo studio, la ricerca e la promozione dell’economia civile

Il provvedimento ablativo è stato emesso a seguito della sentenza di condanna per associazione per delinquere finalizzata al contrabbando di sigarette a carico del “proposto” e scaturisce dagli accertamenti economico-patrimoniali effettuati dagli specialisti delle Fiamme Gialle partenopee.

Infatti, il monitoraggio effettuato dal G.I.C.O. di Napoli ai sensi del Codice Antimafia ha fatto emergere, grazie ai riscontri sviluppati anche attraverso l’utilizzo delle banche dati in uso al Corpo, una marcata sproporzione tra le fonti di reddito lecite di cui il soggetto disponeva ufficialmente e il patrimonio di beni mobili e immobili di rilevante valore negli anni accumulato.


Di La Redazione

Oroscopo di oggi la giornata segno per segno

Notizia Precedente

Misterioso incendio alla palestra del Palamaggiò di Caserta

Prossima Notizia



Ti potrebbe interessare..