Omicidio Vassallo, domani audizione della fondazione Vassallo presso la commissione antimafia

SULLO STESSO ARGOMENTO

Omicidio Vassallo, domani audizione della fondazione Vassallo presso la commissione antimafia

Ricomincia a tenere banco presso le istituzioni l’omicidio ancora irrisolto di Angelo Vassallo, il Sindaco Pescatore. A 10 anni e mezzo dal suo feroce assassinio, presso la Commissione Antimafia presieduta dal prof. Nicola Morra (che di recente ha rilasciato dichiarazioni sugli sviluppi della vicenda nei palazzi romani), è stato istituito il gruppo di lavoro interno al Parlamento per ispezionare tutti gli elementi istruttori utili a non far cadere nel vuoto il fascicolo d’inchiesta, prima che decorrano i termini della prescrizione.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Primo Ciak del docufilm sulla storia di Angelo Vassallo, il sindaco pescatore

Alla luce anche di ultimi risvolti, emersi da inchieste giornalistiche che descrivono una gestione delle indagini – almeno nella fase iniziale (le indagini della procura di Vallo furono assunte dalla Direzione Distrettuale Antimafia) – che sarebbero state intrecciate da troppe stranezze con presenze inusuali sul luogo del delitto.



    «Il tempo delle schermaglie è finito. Adesso abbiamo il dovere di dare un nome all’assassino. È ancora tra di noi e vive nelle istituzioni», esordiscono Dario e Massimo Vassallo, presidente e vice presidente della Fondazione “Angelo Vassallo Sindaco Pescatore”, fratelli del primo cittadino di Pollica, Angelo, trucidato con nove colpi di pistola la sera del 5 settembre 2010.

    Vassallo
    Vassallo

    I due fratelli saranno uditi nel pomeriggio di domani 15 giugno, dai componenti della commissione parlamentare antimafia sull’omicidio Vassallo.

    «È un passaggio importante per arrivare alla verità e la Commissione antimafia può fare molto. Cerchiamo la Verità perché la nostra storia ce lo impone. Nostro fratello Angelo, il sindaco pescatore di Pollica, faceva il sindaco ed in tempo di pace è stato ucciso – commentano Dario e Massimo – Cercare la verità è nostro dovere, lo dobbiamo ai tanti che sono morti per questo Paese, ma anche per ridare dignità ad un popolo di onesti che non si è mai arreso».

    Ad interessarsi della vicenda ed artefice del gruppo di lavoro parlamentare, il membro della Commissione Antimafia on. Luca Migliorino, che da gennaio insieme ai fratelli Vassalo lavora sulla vicenda, e in un comunicato stampa ha reso nota, come coordinatore del team di lavoro, la lettera inviata a Dario Vassallo e Massimo Vassallo, comunicando la convocazione in audizione per martedì 15 giugno alle 19 a Palazzo San Macuto, per riferire sulla vicenda decennale che da 10 anni li coinvolge in prima persona.

    VERSO IL PUNTO DI SVOLTA CON CAUTA SPERANZA

    Un’audizione che potrebbe forse segnare un punto di svolta in una indagine, a livello giudiziario, ferma al palo, al contrario dell’ambito associazionistico e comunitario, dove non ha mai subito battute di arresto.

    Trapelano ‘caute speranze’ invece da Dario Vassallo, che potrà rendere noti alla Commissione tutti i fatti di cui è direttamente informato e coinvolto, ripercorse anche nel libro “La Verità Negata”, per tenere viva l’attenzione sull’omicidio del Sindaco Pescatore.

    I lavori parlamentari d’inchiesta proseguono da ben tre settimane e hanno visto le audizioni di giornalisti, un ufficiale dei carabinieri, una cittadina cilentana e nella giornata di domani, dei fratelli del sindaco.

    A presiedere la commissione parlamentare d’inchiesta, il senatore Nicola Morra, affiancato dal promotore dell’istituzione del gruppo di lavoro sull’omicidio Vassallo, il deputato del M5S, Luca Migliorino, che insieme a deputati e senatori stanno svolgendo un’indagine parlamentare parallela ed autonoma a quella in atto e svolta dalla Procura della Repubblica di Salerno, con l’obiettivo di fare luce sull’omicidio del sindaco ambientalista di Pollica, Angelo Vassallo.


    Torna alla Home


    Miglioramento dell’organizzazione dei taxi a Piazza Garibaldi a Napoli

    Riunione per ottimizzare il servizio taxi Il prefetto di Napoli, Michele Di Bari, ha guidato una riunione al Palazzo di Governo per discutere delle problematiche legate alla logistica dei taxi presso la stazione ferroviaria di Piazza Garibaldi. Presenti l'assessore alla Legalità e Polizia locale del Comune di Napoli, rappresentanti...

    In ospedale 3 studenti e 2 insegnanti di Salerno in gita a Montecatini

    Tre studenti e due insegnanti, facenti parte di una comitiva in gita scolastica da Salerno e che alloggiavano in un albergo di Montecatini Terme (Pistoia), sono dovuti ricorrere alle cure del pronto soccorso di Pescia (Pistoia), perché accusavano disturbi gastrointestinali a carattere acuto. E' quanto reso noto dall'Asl Toscana...

    Marcianise, incastrato in rulli bobina: muore operaio

    Tragedia sul lavoro nel Casertano. Non ce l'ha fatta l'operaio di 53 anni che ha perso la vita in un'azienda nella zona industriale di Marcianise. Stando ad una prima ricostruzione dei fatti, lo scorso 11 aprile la vittima, di Casoria (Napoli), stava effettuando lavori di manutenzione su una ribobbinatrice...

    Napoli, evaso dal carcere di Nisida: 19enne preso ai Quartieri Spagnoli

    Durante un'operazione della Polizia di Stato, un giovane di 19 anni è stato arrestato per evasione. Gli agenti della Squadra Mobile hanno intercettato il giovane mentre tentava di fuggire su uno scooter. Dopo un breve inseguimento, è stato catturato e si è scoperto che era evaso il 3 aprile scorso...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE