D’Amore, Asl Napoli 2: ‘Preoccupato per immunità di gregge a Giugliano e Pozzuoli’

SULLO STESSO ARGOMENTO

D’Amore, Asl Napoli 2): “Preoccupato per immunità di gregge a Giugliano e Pozzuoli. La variante Delta ha un’alta possibilità di infezione

“Abbiamo messo in campo un accesso libero in modo da garantire le prime e le seconde dosi a chi si è iscritto in piattaforma ma cercando di raggiungere anche chi è ancora indeciso. Stiamo cercando di spronare tutti”. Lo ha detto il direttore generale dell’Asl Napoli 2 Nord Antonio D’Amore intervenendo nella trasmissione “Barba e capelli” su Radio Crc Targato Italia.

antonio d'amore
D’Amore

“La variante Delta – ha aggiunto – ha un’alta possibilità di infezione e come tutte le variazioni virali tende ad essere più pericolosa. L’Inghilterra fa 20mila contagi al giorno e dobbiamo essere preoccupati perché abbiamo il territorio con la più alta densità d’Europa, solo nella mia Asl ne ho 4 con il numero più alto”.

D’Amore ha poi fornito i numeri sulle vaccinazioni: “I dati ci dicono che con doppia vaccinazione abbiamo una protezione elevata. Ad oggi è l’unica arma che abbiamo insieme alle mascherine e al distanziamento sociale. Sono a rischio tutte le città dove non si vaccinano, Napoli è una tra queste ma abbiamo anche Pozzuoli e Giugliano dove siamo preoccupati perché siamo fermi al 60 per cento, quel 10 per cento che ci separa dall’immunità di gregge è fondamentale”.



    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE Covid in Italia: mai così pochi positivi da agosto del 2020

    “Sopra i 65 anni sfioriamo il 75 per cento dei vaccinati, sproniamo i giovani e facciamoli venire con la seconda dose dopo 21 giorni”, conclude D’Amore.







    LEGGI ANCHE

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE