A Napoli rubato scooter elettrico a disabile

SULLO STESSO ARGOMENTO

A Napoli rubato scooter elettrico a disabile.E’ accaduto nel quartiere Montesanto.  Pronta nuova richiesta all’Asl.

A una donna sola e disabile, in via Giovanni Ninni nel quartiere Montesanto, è stato rubato lo scooter elettrico tanto atteso, per il quale ha dovuto compilare una valanga di documenti, che le avrebbe consentito di recuperare un po’ di autonomia.

“Chi può aver avuto il coraggio di rubare ad una persona in difficoltà ciò che le può dare un po’ di luce? Abbiamo sporto denuncia perché vogliamo che chi ha sbagliato paghi”, questo è il messaggio del figlio della donna.

 TI POTREBBE INTERESSARE ANCHECampania ondata di calore:da domani allarme della Protezione Civile

    “Siamo alla follia, si è perso ogni valore morale. Non si riesce a provare rispetto neanche per le persone con disabilità, è uno schifo. I criminali sono a briglie sciolte. Ci siamo immediatamente attivati per avviare la procedura presso l’Asl per richiedere la consegna al più presto di un nuovo mezzo”. Lo hanno detto Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale di Europa Verde e il conduttore Gianni Simioli.






    LEGGI ANCHE

    Voragine in via Morghen al Vomero: la strada inghiotte due auto. Ferito uno degli occupanti

    Tragedia sfiorata intorno alle 5 di stamane. Evacuato un edificio

    Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

    Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

    Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

    Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE