San Giorgio, truffe ai danni di famiglie con malati gravi

SULLO STESSO ARGOMENTO

San Giorgio, truffe ai danni di famiglie con malati gravi

Si fingono falsi dipendenti dell’ente e chiedono dati personali e bancari facendo credere che l’Ambito N 28 stia erogando denaro per i malati gravi. E’ l’ultima truffa che si sta perpetrando ai danni famiglie sangiorgesi.

Segnalazioni sono arrivate direttamente all’ente. Il Sindaco Giorgio Zinno avvisa i concittadini attraverso le pagine social: “Se avete dubbi sull’identità di chi vi sta chiamando – scrive – chiedete subito il nome del dipendente ed un numero di telefono a cui richiamarlo per conferma: se il numero inizia per 0815654, allora è un nostro operatore”.

Il Primo Cittadino invita anche a chiedere conferma via e-mail, facendosi dare un indirizzo ufficiale del Comune da colui che chiama.

    “Solo così – aggiunge – potrete verificare l’identità della persona che vi ha telefonato e appurare l’attendibilità dell’informazione che vi sta fornendo. Se rifiutano, allora agganciate subito ed avvisate le forze dell’ordine”.

    L’ambito N28 non sta infatti erogando alcun contributo economico in questo momento, Pertanto è chiaramente un tentativo di truffa.

    Non è la prima volta che a San Giorgio accadono truffe del genere, soprattutto ai danni di anziani. Qualche tempo fa finti dipendenti della Asl e del Comune si presentavano a casa di cittadini dicendo di dover compiere una indagine epidemiologica o, in altri casi, fingono di essere stati mandati da figli e nipoti lontani che hanno contratto il virus. Ma, in entrambi i casi, cercavano di estorcere denaro ai malcapitati facendo leva sulla loro vulnerabilità.

    Anche in quella circostanza il Sindaco si preoccupò di mettere in guardia i cittadini: ‘’Il modus operandi di questi farabutti senza scrupoli è ormai noto, ma purtroppo trova ancora terreno fertile tra le persone più vulnerabili. Proteggiamo i nostri anziani e non cadiamo nella rete di questi truffatori, che non arretrano neanche davanti all’attuale situazione di emergenza e fragilità. Denunciamo questi truffatori”






    LEGGI ANCHE

    20 vittime della strada nell’ultimo fine settimana in Italia

    Il fine settimana che va dal 16 al 18 febbraio ha registrato 20 vittime sulle strade italiane a causa di incidenti, un numero identico...

    Voragine al Vomero: gli edifici evacuati sono due

     Forze dell'ordine presidiano la zona per evitare l'arrivo di sciacalli nelle case

    Napoli, arrestato il complice del rapinatore che ferì l’ingegnere

    Napoli. E' stato arrestato anche il secondo rapinatore che la sera del 29 marzo 2023 partecipò al tentato omicidio di un ingegnere che stava...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE