No Dad in piazza a Napoli con titolari scuolabus

SULLO STESSO ARGOMENTO

No Dad in piazza a Napoli con titolari scuolabus: “Scuole chiuse da un anno, sul caso Campania intervenga governo”

Tra le mamme anche personaggi del piccolo schermo come Veronica Maya e Maria Mazza, volti noti della tv, che stamattina erano in piazza a Napoli a dar man forte alle altre mamme dell’associazione ‘Scuole Aperte Campania’.

Il raduno a via Nazario Sauro, poco lontano dalla sede della Regione Campania cui i manifestanti chiedono di riaprire le porte della scuola. Una galassia variegata che comprende anche le insegnanti dei nidi aderenti al Sic (Servizi per l’Infanzia Campania) e gli operatori del trasporto scolastico, gli autisti dei pullmini gialli (148 nella sola città di Napoli) che da un anno non lavorano né ricevono sostegni.

In testa loro, Veronica Maya e Maria Mazza. “Non sono una negazionista e capisco il problema – precisa Veronica Maya, per anni volto dello Zecchino d’Oro – ma il Covid non può essere il pretesto per la paralisi totale. Dobbiamo imparare a conviverci col virus. Anche perché non è non andando a scuola che si eliminano i rischi. Ho tre bambini in Dad che passano almeno sei ore al giorno davanti allo schermo e sappiamo quante insidie il pc nasconda. La scuola in presenza è insostituibile per i genitori che lavorano e per gli stessi bambini. Noi dello spettacolo siamo delle privilegiate – conclude – ma ritengo giusto appoggiare questa battaglia e dare una mano a chi non ha le mie stesse possibilità. Con i docenti vaccinati non avrei nessun problema a mandare a scuola i miei figli”.



    D’accordo Maria Mazza che punta l’indice contro la Regione e chiede l’intervento del Governo: “Il Governo – spiega la soubrette – deve garantire uniformità. Non capisco perché mia figlia che vive a Napoli debba stare in Dad e i miei nipoti che stanno a Roma possano invece andare a scuola in presenza. Il Governo si deve rendere conto che esiste un caso Campania. In questa regione non si va a scuola da sei mesi e io ho la fortuna di poter garantire un’ottima scuola a mia figlia, in cui si fa un’ottima Dad. Ma gli altri? Le mamme di Miano, o quelle di Ponticelli, che non hanno le mie stesse opportunità? Questa è una battaglia di tutti. Chiudere le scuole inoltre, è un piacere che si fa alla camorra sempre pronta ad arruolare nuove leve”. Schierati in circolo ci sono i pullmini gialli del trasporto scolastico.

    A rappresentare le ragioni degli autisti il leader di Assodiritti Carlo Di Dato: “La Regione ha annunciato investimenti nel trasporto pubblico per 1 miliardo e 100 milioni per nuovi treni e bus. Chiediamo che i 100 milioni siano dirottati in favore di questa categoria che da un anno non lavora e che deve sostenere ingenti spese assicurative per rimettersi in carreggiata e ripartire appena riapriranno le scuole. Sono lavoratori del settore privato che tuttavia offrono un servizio pubblico in media a 10mila bambini nella sola città di Napoli che e da più di un anno, con le scuole chiuse, non hanno più entrate. I nostri pullmini sono sanificati, l’accesso è limitato e in sicurezza”. Chiedono di tornare a lavorare le insegnanti dei nidi. “Il nostro è un servizio privato – spiega Katia Mascolo, presidente di Sic – se stiamo chiusi nessuno ci paga. Il 15% delle strutture ha chiuso i battenti e i sostegni previsti dal precedente governo sono arrivati solo in parte per un disguido dovuto all’Inps. Chiediamo solo di tornare a lavorare in sicurezza”.

    D’accordo le mamme dell’associazione scuole Aperte: “Ci sono studi secondo i quali i bambini hanno una capacità di contagio ridotta del 50% – sottolinea Palmira Pratillo – e al di là di tutto qui non si sta tenendo conto dei diritti dei bambini”.

    “Lo Stato abbia il coraggio di imporre l’obbligatorietà del vaccino”, è la provocazione dell’avvocato Maria Grazia Celardo del direttivo di “Scuole Aperte Campania”.

    Leggi anche qui


    Torna alla Home


    Nisida, rimossi gli ormeggi abusivi dai fondali

    “Ringrazio la Capitaneria di Porto e l’Autorità di sistema portuale di Napoli per aver coordinato sabato mattina un intervento importante sul litorale di Nisida grazie al quale sono stati rimossi dai fondali diversi ‘corpi morti’ utilizzati dagli ormeggiatori abusivi per ancorare le barche dei loro clienti. Grazie a questa...

    Scampia, droga nascosta nel tubo: arrestato 19enne

    Nel pomeriggio di ieri, durante un servizio di controllo del territorio a Scampia, gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico hanno osservato due uomini vicino ai porticati di un edificio in via Annamaria Ortese. I due hanno estratto qualcosa da un tubo cementato nell’asfalto e l'hanno scambiata con una...

    Il successo di Napoli racing show con oltre 40mila presenze

    Napoli Racing Show: oltre 40.000 presenze hanno gremito il lungomare Caracciolo per la prima edizione dello spettacolo motoristico che ha infiammato la città per tre giorni. Gare emozionanti, esibizioni spettacolari e un'atmosfera unica hanno reso l'evento un vero successo. Gianluca Miccio della Vomero Racing ha conquistato il trofeo assoluto al...

    Salerno, picchia la compagna e la sorella: arrestato 42enne

    Un uomo di 42 anni è stato arrestato dai carabinieri a Santa Marina, provincia di Salerno, per aver maltrattato la compagna e la sorella di quest'ultima. Durante una lite in casa, l'uomo ha picchiato la compagna di 43 anni, causandole diverse contusioni, e ha aggredito anche la sorella della donna,...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE