Vendevano droga ordinata su WhatsApp e consegnata nella villa comunale: coppia in manette

SULLO STESSO ARGOMENTO

Vendevano droga ordinata su WhatsApp e consegnata nella villa comunale: coppia in manette

I carabinieri della Stazione di Vairano Scalo, nel corso di un servizio di controllo del territorio volto a contrastare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, hanno proceduto all’arresto in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio, di R.R., 44 anni, già sottoposto alla detenzione domiciliare per altri reati, e della sua convivente R.A., 41 anni, entrambi residenti a Vairano Patenora.

Nella circostanza i militari dell’Arma hanno sorpreso la donna nei pressi della villa comunale in via Cadorna di Vairano Patenora frazione Scalo, mentre cedeva 9 dosi di crack per un peso complessivo di 3,20 grammi ad una acquirente che le corrispondeva la somma in denaro contante pari a 140 euro.

La successiva perquisizione domiciliare, effettuata a carico della spacciatrice, effettuata presso l’abitazione occupata unitamente al convivente, ha consentito di rinvenire, sul tavolo della cucina, un bilancino di precisione e materiale in cellophane necessario per il confezionamento delle dosi, oltre a 0,30 grammi di crack, occultati in un mobile del salotto.

    Gli immediati sviluppi investigativi hanno consentito di ricostruire le fasi della cessione dello stupefacente, che erano state concordate dall’acquirente mediante una chat WhatsApp intrattenuta proprio con R.R. che, dall’abitazione, dirigeva l’operazione. Quanto rinvenuto è stato sottoposto a sequestro.
    R.R. è stato accompagnato presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere, mentre R.A. è stata accompagnata ai domiciliari, a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.






    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE