Cinema

OSANNA, il docufilm sulla band partenopea in anteprima assoluta a SEEYOUSOUND



osanna
Foto Fb




Dal 19 al 25 febbraio SEEYOUSOUND, il primo festival italiano dedicato al cinema internazionale a tematica musicale farà nuovamente risuonare l’eco di voci e strumenti inconfondibili, di storie e vite iconiche, protagonisti della selezione di film che compongono il programma 2021.

Al grido di Can’t Stop Music! la VII edizione di Seeyousound snocciola una serie di imperdibili per un excursus tra correnti e artisti che hanno segnato la scena musicale internazionale e quella nazionale, come la band partenopea OSANNA, che tra che tra hard-rock e psichedelia ha creato un autoctono progressive-rock gettando le basi del Naples Power.

Il documentario Osannaples di M. Deborah Farina, celebra i 50 anni di carriera della band che ha contribuito ad alimentare la controcultura napoletana. In una Napoli rivolta all’avanguardia, sempre più distaccata dalla tradizione melodica e alla ricerca di nuovi mondi sonori, nasce il gruppo degli Osanna: cinque ragazzi cresciuti tra il Vomero e l’Accademia di Belle Arti tra gli anni Sessanta e Settanta. Le nuove generazioni, possono ascoltare le novità attraverso i dischi dei marines, ancora alla base Nato di Bagnoli, o vederli suonare nei piccoli club, gli stessi dove iniziano a esibirsi le cover band. Attraverso passato e presente, Lino Vairetti, cantante della band, in un viaggio fisico e introspettivo, ripercorre le tracce di un’epoca: dall’approdo alla sua antica casa-ritrovo, all’immersione onirica in un inconscio abitato dai suoi personaggi, fino al ritorno alla sua attuale abitazione, dove la storia degli Osanna, dal 1971 ad oggi, continua. Il documentario contiene alcune nuove tracce della band e una demo inedita di Pino Daniele.

osanna

Lino Vairetti_Osanna

Presentato in anteprima assoluta, il film sarà visibile dalle 9 del mattino di giovedì 25 febbraio fino a mercoledì 3 marzo sulla piattaforma streaming www.playsys.tv (3,99€, abbonamento festival 35€ e 45€).

Il film Osannaples fa parte della macro-sezione INTO THE GROOVE – curata dal direttore artistico Carlo Griseri – che accoglie ben 17 film che restituiscono allo spettatore la varietà, la potenza e la capillarità della musica, in un mix di ritmi a cui è impossibile resistere. In tutto, il programma di SEEYOUSOUND 7 proporrà 81 film tra lungometraggi, documentari, film brevi e videoclip in competizione e fuori concorso di cui 5 anteprime assolute e 16 italiane, 1 focus trasversale dedicato alla musica nera e al movimento Black Lives Matter, 1 panel, 7 talk e 7 concerti live in streaming.

Guarda il trailer

Tra i titoli inediti in Italia l’ultimo film di Julien Temple co-prodotto da Johnny Depp, Crock Of Gold – A Few Rounds With Shane McGowan che ripercorre la vita di frontman dei Pogues; Don’t Go Gentle – A Film About Idles di Mark Archer dedicato alla heavy post-punk band di Bristol esplosa nell’ultima manciata d’anni e finalmente riconosciuta da pubblico e critica come tra i più interessanti fenomeni musicali in circolazione; In A Silent Way di Gwenaël Breës sui Talk Talk e la creazione del loro album sperimentale Spirit of Eden; Rockfield: The Studio On The Farm di Hannah Berryman, storia vera di due fratelli che hanno trasformato la loro fattoria nel primo studio di registrazione residenziale di sempre, da cui sono passati leggende come Black Sabbath, Queen, Robert Plant, Oasis.

Disponibili ogni giorno a partire dalle 9.00 del mattino, i film in programma a Seeyousound saranno fruibili su PLAYSYS.TV che si potrà guardare ovunque, semplicemente on demand (Biglietto singolo 3,99€; abbonamento festival 35€ e abbonamento sostenitore 45€ – acquistabili su www.playsys.tv e www.seeyousound.org).

SEEYOUSOUND è organizzato da Associazione Seeyousound, in collaborazione con Museo Nazionale del Cinema di Torino con il patrocinio di Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, Regione Piemonte e Città di Torino, con il contributo di Fondazione CRT.

Per Info: www.seeyousound.org, info@seeyousound.org

 

Google News

Comune di Pompei: Rombo di tamburi o venti di guerra?

Notizia precedente

Vallo di Diano, Tanagro nell’abbandono minaccia per il territorio

Notizia Successiva


Ti potrebbe interessare..