In Campania i genitori No Dad contro De Luca

SULLO STESSO ARGOMENTO

 Mamme e papa’ No Dad sul piede di guerra e pronti ad agire per le vie legali qualora il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, emani una nuova ordinanza che preveda la chiusura delle scuole.

“Abbiamo gia’ allertato gli avvocati – fanno sapere dal Coordinamento Scuole Aperte Campania – ed evidenziamo che ogni ordinanza sarebbe fuori legge visto che il Tar Campania si e’ gia’ espresso per ben due volte in favore della riapertura delle scuole non solo sospendendo l’efficacia delle ordinanze ma uno dei due ricorsi presentati e’ stato accolto anche nel merito”.

I No Dad imputano a De Luca “una narrazione terroristica del contagio nelle scuole. Visto che le scuole superiori sono riprese in presenza da appena 4 giorni – dicono – non e’ evidentemente possibile imputare l’aumento dei contagi alle scuole superiori e piu’ in generale e’ sbagliato parlare di contagi a scuola. Come puo’ affermare con assoluta certezza che il contagio degli studenti, piccoli e grandi, e’ avvenuto a scuola?”.

I dati in possesso del Coordinamento dicono che “solo lo 0,04 per cento dei contagi si e’ verificato in ambito scolastico. Le scuole – affermano – cosi’ come avviene in altre regioni potrebbero essere strumento per un efficace tracciamento del virus che, e’ bene ricordare, circola ovunque. Qui invece e’ considerata solo come focolaio senza che siano presentati dati certi e trasparenti”. In Campania l’anno scolastico iniziato sul finire di settembre ha avuto una prima battuta d’arresto il 16 ottobre 2020 a seguito di un’ordinanza regionale che ne ha imposto la chiusura con il passaggio per tutte le scuole di ogni ordine e grado alla didattica a distanza.

    Poi sul finire di novembre hanno ripreso la didattica in presenza solo le scuole dell’infanzia e le classi prime elementari e solo dopo la pausa natalizia sono gradualmente rientrate in presenza tutte le classi. Ultimi a tornare tra i banchi, ma al 50 per cento, gli studenti delle scuole superiori lunedi’ 1 febbraio.


    Torna alla Home


    Il video della violenta aggressione ad Antonio Morra e il pugno che gli ha causato la morte

    Le immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza del Mandela Forum la sera di giovedì sono chiare: una discussione,  un pugno e una caduta dalle scale. Così ha perso la vita Antonio Morra, 47 anni, originario di Napoli ma residente a Pistoia: è stato aggredito dopo il concerto dei Subsonica...

    Sciame sismico anche sul Vesuvio, scossa in serata di magnitudo 2.1

    Una domenica bestiale: e non è certo quella cantata anni fa da Fabio Concato. E' quella che hanno vissuto tutti i cittadini dei comuni dei Campi Flegrei e di buona parte della città di Napoli. Poi nei pomeriggio ci si è messo anche il Vesuvio. Perché anche l'area del Vesuvio...

    Nisida, rimossi gli ormeggi abusivi dai fondali

    “Ringrazio la Capitaneria di Porto e l’Autorità di sistema portuale di Napoli per aver coordinato sabato mattina un intervento importante sul litorale di Nisida grazie al quale sono stati rimossi dai fondali diversi ‘corpi morti’ utilizzati dagli ormeggiatori abusivi per ancorare le barche dei loro clienti. Grazie a questa...

    Scampia, droga nascosta nel tubo: arrestato 19enne

    Nel pomeriggio di ieri, durante un servizio di controllo del territorio a Scampia, gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico hanno osservato due uomini vicino ai porticati di un edificio in via Annamaria Ortese. I due hanno estratto qualcosa da un tubo cementato nell’asfalto e l'hanno scambiata con una...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE