Seguici sui Social

Cronaca Giudiziaria

Omicidio del boss rivale: ergastolo confermato per Pasquale Puca o’ minorenne

PUBBLICITA

Pubblicato

il



Omicidio del boss rivale: ergastolo confermato per Pasquale Puca o’ minorenne.

La Corte di Cassazione ha confermato l’ergastolo per il boss Pasquale Puca, detto o’ minorenne, (perche’ aveva solo 16 anni quando entro’ a fare del clan Ranucci) come mandante dell’omicidio di Francesco Verde, alias o’ negus, ucciso a Casandrino il 28 dicembre del 2007, mentre tornava a Sant’Antimo dopo aver firmato in commissariato. Insieme con il boss venne ferito anche il nipote, Mario Verde, il quale, nonostante fosse stato raggiunto da diversi colpi d’arma da fuoco, riusci’ a salvarsi guidandofino all’ospedale civile di Aversa  dove Francesco morì.

LEGGI ANCHE  Papa Francesco si e' vaccinato contro il Covid

 


Continua a leggere
Pubblicità

Benevento e Provincia

Abusi sessuali su nipote minorenne: arrestato 60enne in provincia di Benevento

Con l’accusa di aver abusato della nipote minore è stato arrestato un 60enne della provincia di Benevento.

Pubblicato

il

foto dal web

Abusi sessuali su nipote minorenne: arrestato 60enne in provincia di Benevento

Con l’accusa di aver abusato della nipote minore è stato arrestato un 60enne della provincia di Benevento. Gli agenti della Squadra mobile della Questura sannita, coordinati dai magistrati della locale procura, hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare in carcere per violenza sessuale pluriaggravata in danno della giovane, minore di 16 anni. Le indagini hanno consentito di accertare che, da giugno 2016 a novembre 2018, l’indagato avrebbe fatto sottoposto la ragazzina a una serie di abusi sessuali.

LEGGI ANCHE  Papa Francesco si e' vaccinato contro il Covid

Ad avvalorare il compendio probatorio i racconti della madre della minore e di altre persone informate sui fatti, il tutto riscontrato dall’esito dell’incidente probatorio del febbraio scorso. In seguito alle violenze subite nella giovane vittima si è sviluppata una sindrome da stress post traumatico che l’aveva portata ad avere incubi notturni e crisi respiratorie, arrivando ad autoinfliggersi lesioni corporali procurandosi una serie di ferite, disturbo accertato in sede di indagini preliminari da un consulente tecnico nominato dal pm.

Continua a leggere

Le Notizie più lette