Napoli, il comandante degli agenti penitenziari di Poggioreale ferito da un detenuto

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il Comandante del reparto di Polizia Penitenziaria del carcere di Poggioreale, a Napoli, e’ stato ferito stamattina da un detenuto, che rifiutava di essere trasferito in un altro istituto.

Lo ha reso noto il Sappe, sindacato degli agenti di Polizia penitenziaria. Il detenuto – che avrebbe addotto futili motivi per il rifiuto del trasferimento, ed ha opposto resistenza – ha lanciato contro la dirigente facente funzioni della Penitenziaria uno zoccolo, colpendola alla testa. Il Comandante e’ stato medicato in Ospedale. Il Sappe ha espresso solidarieta’ al Comandante e chiede di “stroncare la spirale di violenza che caratterizza le carceri campane”.

Proprio nel giorno in cui si celebra, a Napoli e in tutta Italia, l’inaugurazione dell’Anno giudiziario, questa mattina nel carcere di Poggioreale a Napoli un detenuto protetto nel Padiglione Livorno opponeva resistenza ad essere tradotto in altra sede, adducendo futili motivi al suo trasferimento. Interveniva sul posto il Comandante del Reparto facente funzioni. Al sopraggiungere della dirigente della Polizia Penitenziaria, il detenuto con una mossa repentina scagliava con violenza uno zoccolo che colpiva al volto il Comandante che, per le lesioni subite, veniva accompagnata al Pronto soccorso del nosocomio più vicino per le cure del caso. “A lei va la solidarietà del SAPPE, ma è necessario stroncare la spirale di violenza che caratterizza le carceri campane”.

Donato Capece, segretario generale del SAPPe, stigmatizza ma mancata assunzione di provvedimenti da parte del Ministero della Giustizia a tutela dei poliziotti penitenziari “sempre più spesso aggrediti, minacciati, feriti, contusi e colpiti con calci e pugni da detenuti e, nonostante, senza alcuna tutela reale della propria incolumità fisica personale. Gli eventi critici contro gli appartenenti alla Polizia Penitenziaria sono aumentati in maniera spaventosa, accentuati anche dalla scellerata vigilanza dinamica delle carceri che è alla base di tutta questa violenza inaccettabile. Rivendichiamo tutele e garanzie funzionali nuovi strumenti che migliorino il nostro servizio bodycam e Taser su tutti nuovi protocolli operativi e soprattutto tutele legali, Parole poche, fatti tanti, e le aggressioni contro la Polizia Penitenziaria continuano. E questo è grave e inaccettabile!”

     






    LEGGI ANCHE

    Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

    Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE