Tamponi covid nelle di Napoli: migliaia di test ma niente code

Chi con un furgone e chi con un gazebo all’esterno della propria farmacia, chi ha un negozio grande da poter differenziare ingressi e uscite e chi ha un locale adiacente da poter utilizzare.

Le 83 di Napoli e provincia che garantiscono il rapido – elenco completo sul sito www.federfarmanapoli.it -, circa il 10% di quelle che esistono sul territorio, non hanno registrato problemi di code o ressa per effettuare il test veloce anche perché l’accordo chiuso con la Regione ha previsto l’obbligo di prenotazione. Tuttavia, se in negozio non c’è folla e nessuno ha appuntamento in quel momento, può anche capitare che il venga effettuato comunque a richiesta.

ADS
tamponi covid nelle farmacie di napoli: migliaia di test ma niente code

Federfarma

L’opportunità di sottoporsi all’esame per verificare la positività al Covid è partita una settimana fa e da allora, fanno sapere all’AGI da Federfarma territoriale, sono migliaia i napoletani che si sono presentati davanti al medico, al biologo o all’infermiere incaricato dalla farmacia del servizio.

Leggi anche: https://www.cronachedellacampania.it/2020/12/covid-1067-nuovi-positivi-in-campania-e-19-vittime/?refresh_ce

Una media di 15/20 tamponi al giorno per farmacia, destinata ad aumentare tra oggi e domani per potersi presentare a tavola con il gruppo ristretto di parenti o amici più sicuri di non contagiare i commensali. Il costo medio del tampone è di 22 euro, poco di più se qualcuno desidera farlo a domicilio, altro servizio offerto da quasi tutte le farmacie, e comunque in caso di positività l’esito viene inserito sulla piattaforma Sinfonia e fa scattare la segnalazione all’Asl e al medico di base per un ulteriore esame, questa volta con tampone molecolare; chi va in farmacia, infatti, deve comunque compilare un modulo indicando il codice fiscale e firmando per l’isolamento volontario in caso di positività fino all’esito del molecolare.

LEGGI ANCHE  Napoli, coprifuoco non rispettato: 93 multati

“Siamo una presenza indispensabile sul territorio – ricorda Riccardo Maria Iorio, presidente di Federfarma Napoli – le adesioni a questa iniziativa delle aumentano. Per ora solo il 5/6% di chi si è sottoposto a test è risultato positivo ed è stato segnalato”.



Fabio Testa, 28 anni, laureato in sociologia. Appassionato della cultura napoletana e dei fenomeni della tradizione popolare. Gli piace il cinema d'autore. E' grande tifoso del Napoli

    Avellino, medico del covid center aggredito con un estintore

    Notizia precedente

    Scafati. Helios, Grimaldi: ‘Comune non si nasconda ma agisca per i cittadini’

    Notizia Successiva

    Ti potrebbe interessare..