Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Coronavirus

Solo 165 medici hanno risposto all’appello della Campania: ne servono 450

Pubblicato

il

medici protezione civile


Solo 165 hanno risposto all’appello della Campania: ne servono 450. Il era stato formulato dalla nazionale.

 

Sono 165 le domande giunte al Dipartimento della in relazione al , chiuso oggi, per il reclutamento di 450 da inviare in Campania per l’emergenza Covid, dopo le reiterate richieste in tal senso della Regione. L’Unita’ di crisi rende noti i dati trasmessi dalla . Sono state inviate al Dipartimento 165 domande, cosi divise: 27 anestesisti, 20 infettivologi, 38 pneumologi, 80 di chirurgia.

“Sono ora in corso le istruttorie e le verifiche sulla base delle disponibilita’ comunicate, anche perche’ in relazione al precedente e’ stato registrato un numero notevole di defezioni. Ci si augura stavolta che non vi siano rinunce, e che si possa cosi’ proseguire, come gia’ si sta facendo, nel rispondere a una criticita’ segnalata da mesi, in particolare per quanto riguarda gli anestesisti”, si sottolinea dall’Unita’ di crisi della Campania.


PUBBLICITA

Coronavirus

Napoli, l’infermiere eroe morto per covid, i colleghi: ‘Abbiamo perso un fratello’

Pubblicato

il

infermiere eroe

Napoli, l’infermiere eroe morto per covid, i colleghi: “Abbiamo perso un fratello. Aveva sempre un sorriso, una parola di incoraggiamento”.

Non riesce a trattenere la commozione Pasquale Martino, governatore delle Misericordie di Grumo Nevano nel ricordare Alfonso Durante, l’infermiere di 75 anni che era tornato in prima linea per prestare la sua opera, per aiutare i piu’ anziani e piu’ deboli perche’ era un “soccorritore generoso”.

Il Covid lo ha stroncato. Durante, originario di Napoli ma residente a Marano tutti i giorni raggiungeva le postazioni delle Misericordie nell’ area a nord di Napoli per assicurare insieme agli altri volontari l’aiuto indispensabile, anche per i cosiddetti “trasporti secondari”. Non si tratta del trasporto inferni (che le Misericordie assicurano in convenzione con l’Asl Napoli 2 Nord in alcuni comuni dell’area metropolitana di Napoli) ma dell’accompagnamento presso strutture sanitarie di quei pazienti che sono impossibilitati a farlo da soli.

Alfonso, dicono i suoi colleghi volontari, non aveva solo le competenze professionali per farlo ma anche per tutti un sorriso, una parola di incoraggiamento per andare avanti. Martino e’ addolorato. “Abbiamo perso un fratello”, dice. Un volontario disponibile, aggiunge, “che non si e’ mai risparmiato. Non lo dimenticheremo mai”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Covid, morto Alfonso Durante: l’infermiere in pensione che era ritornato in servizio

“Cordoglio alla famiglia e ai colleghi di Alfonso Durante, infermiere volontario che aveva scelto di tornare sulle ambulanze per aiutare gli altri. L’Asl Napoli 2 Nord esprime il proprio cordoglio alla famiglia di Alfonso Durante e a tutti i colleghi che avevano avuto modo di lavorare insieme a lui nel corso di questi anni”. Cosi’ l’Azienda sanitaria locale ricorda l’infermiere che a 75 anni aveva deciso di tornare sulle ambulanze, come volontario per la Misericordia di Grumo Nevano (NAPOLI).

Prosegue la Asl: “Alfonso, dopo aver trascorso gran parte della sua carriera nel reparto di Rianimazione del Cardarelli, aveva scelto di continuare ad aiutare gli altri come volontario sulle ambulanze. Agli inizi di novembre il Covid lo ha fermato. Alfonso Durante rimarra’ quale esempio delle qualita’ umane e professionali su cui si fondano le migliori esperienze della nostra sanità”.

Continua a leggere

Le Notizie più lette