Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Cronaca Campania

SMI e SNAMI Campania:’Tamponi dai medici di base grave atto antisindacale della Regione Campania’

Pubblicato

il

tamponi,medici di base


Grave atto antisindacale del Comitato Regionale ex art. 24 per la medicina generale

Nota congiunta delle segreterie regionali dello SMI e dello SNAMI della Campania Napoli 7 novembre . “Il Comitato Regionale ex art. 24 per la Medicina Generale è un organo paritetico e non può riunirsi escludendo alcune delle rappresentanze sindacali. Lo SMI e lo SNAMI della Campania giudicano molto grave che sia stata svolta una riunione con soli due altri sindacati e convocata, successivamente, una nuova riunione per lunedì 9 novembre con la loro sola partecipazione, oltretutto solo per una informativa su quanto programmato ” così in una nota congiunta lo SMI e lo SNAMI della Campania criticano il comportamento del Comitato Regionale ex art. 24 per la medicina generale.

Lo SMI e lo SNAMI hanno sollevato, in sede nazionale, critiche di merito all’Accordo stralcio per l’effettuazione dei tamponi a partire dalle difficoltà legate al fatto che il 90% degli studi dei medici di famiglia sono allocati in palazzi di civili abitazioni e quindi in strutture dove non è possibile operare in sicurezza individuando percorsi dedicati per chi deve praticare i tamponi. Vi sono, di conseguenza, seri rischi di contagio.
Pe queste ragioni lo SMI e lo SNAMI chiedono che sia convocato, con la partecipazione di tutti i sindacati medici, il Comitato Regionale ex art. 24 per la Medicina Generale per discutere le modalità di applicazione in ambito regionale del suddetto Accordo.

La mancata concertazione con tutte le parti sindacali, stante l’unica continua interlocuzione con le sole sigle sindacali firmatarie a livello nazionale, implicherà l’adozione di iniziativa giudiziaria per reiterato comportamento antisindacale ex art. 28 legge 300/70.
Lo SMI e lo Snami, infine, esprimono tutta la loro solidarietà e le loro condoglianze ai familiari dei medici campani che nella seconda ondata del Covid-19 sono caduti o si sono ammalati per assistere e curare i pazienti, peraltro senza che si sia, a tutt’oggi, neppure provveduto ad assicurare la categoria contro tale rischio. La politica e le istituzioni dovrebbero prendere atto che sulla difesa della salute dei medici hanno fallito! >. per il Sindacato Medici Italiani (SMI)

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca Campania

Paziente covid va in escandescenze e ferisce un infermiere del 118

Pubblicato

il

paziente covid,aggredisce infermiere
foto di cronache della campania

Paziente covid va in escandescenze e ferisce un infermiere del 118.

Ieri un ragazzo ha dato in escandescenza, nella sua abitazione di Montoro, scagliandosi contro i genitori. In seguito all’intervento dei carabinieri e dei sanitari del 118 il giovane è stato trasportato in ospedale, prima ad Avellino e poi a Solofra. Dopo qualche ora è scappato dal Landolfi ,dove era stato ricoverato al reparto Covid, successivamente rintracciato e stato ricondotto al Landolfi dove ha inveito contro il personale del 118, il giovane ha colpito un infermiere con una ginocchiata e non contento ha provato anche a colpire il personale sanitario con un estintore, durante le fasi concitate è riuscito per la seconda volta a guadagnare la fuga.

I carabinieri lo hanno inseguito lungo la rampa della superstrada Avellino Salerno dove ha divelto le segnalazioni a bordo dell’arteria stradale per lanciarli sulla corsia. Alla fine il giovane è stato fermato e affidato ai medici mentre l’infermiere è finito al pronto soccorso dell’ospedale Moscati.

Gustavo Gentile

Continua a leggere

Le Notizie più lette