Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Cronaca

Sequestrate 2 tonnellate di sigarette di contrabbando: arrestati 4 napoletani

Pubblicato

il

sigarette di contrabbando,arrestati,napoletani


Quattro responsabili arrestati, 1 denunciato a piede libero e 2 tonnellate di sequestrate: questo il bilancio di una vasta operazione anticontrabbando portata a termine dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli.

In particolare, le Fiamme Gialle del Gruppo di Nola hanno effettuato un accesso presso un complesso di capannoni situati a , sorprendendo i contrabbandieri in flagranza di reato. L’ingente carico, 2 tonnellate di sigarette marchio “Winston”, aveva raggiunto il punto di stoccaggio a bordo di un autoarticolato di una nota ditta di trasporti.
Al fine di rendere maggiormente credibile l’ingegnosa “copertura” e destare il meno possibile l’attenzione delle Forze di Polizia, il soggetto che trasportava il prezioso carico si è preoccupato anche di indossare una tuta da operaio della stessa ditta.

Quando i finanzieri sono penetrati all’interno della struttura, hanno sorpreso i contrabbandieri mentre caricavano le “bionde”, che erano giunte a bordo del camion su due furgoni.Nella circostanza, sono stati tratti in arresto 4 contrabbandieri: un 59enne pluripregiudicato, due 31enni di Napoli incensurati, un 56enne di Napoli residente a Latina con precedenti per furto aggravato, sanzionati anche per aver violato le disposizioni nazionali e regionali anti-covid.

Un quinto uomo, 41enne napoletano, residente a Castelvolturno, con numerosi precedenti alle spalle, è stato denunciato a piede libero.
L’operazione, frutto della costante attività di presidio economico del territorio, finalizzata, in questo particolare periodo storico, a contrastare l’illegalità diffusa e ad assicurare il rispetto delle misure di contenimento della diffusione del virus SARS-CoV-2, conferma la redditività, spesso sottovalutata, del contrabbando di sigarette nell’economia illecita e la sua pericolosità per la salute causata dall’immissione sul mercato clandestino di prodotti oltremodo privi di ogni tipo di controllo.

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca Campania

Bombe carta sotto casa De Luca a Salerno: quattro indagati

Pubblicato

il

bombe carta
Foto da Google

Quattro persone sono indagate dalla Procura di Salerno per devastazione, saccheggio e resistenza a pubblico ufficiale in relazione agli incidenti avvenuti a Salerno la sera del 25 ottobre, quando gruppi di manifestanti esplosero bombe carta sotto l’ abitazione del presidente della Giunta regionale della Campania Vincenzo De Luca approfittando della protesta dei commercianti che non accettavano le misure governative di chiusura delle le proprie attivita’. La Digos ha effettuato perquisizioni nelle case dei quattro, sequestrando gli abiti usati quella sera ed una mazza chiodata. I quattro sono salernitani, dai 30 ai 50 anni, alcuni con precedenti per reati compiuti negli stadi.

Continua a leggere

Cronaca

Violenza sulle donne: altri due arresti a Frattaminore e Pozzuoli

Pubblicato

il

violenza sulla donne

E’ costante l’impegno dei Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli nel contrasto ai reati di violenza di genere. Ieri altri 2 uomini violenti arrestati, uno in flagranza di reato.

A Frattaminore i carabinieri della locale stazione hanno arrestato per maltrattamenti in famiglia, stalking e revenge porn un 43enne del posto. L’uomo già in passato – ma soprattutto il mese scorso – ha perseguitato la moglie con la quale era in fase di separazione. Minacce, violenze fisiche e verbali, pedinamenti, appostamenti, controlli, comunicazioni e molestie telefoniche erano ormai episodi all’ordine del giorno per la vittima.

Qualche giorno fa la donna era stata anche picchiata: 15 i giorni di prognosi. Il 43enne aveva diffuso sui social anche un video che ritraeva i 2 durante un momento di intimità. La vittima non sapeva di essere filmata e questo episodio l’ha messa con le spalle al muro. Non sapeva a chi rivolgersi e così ha chiesto aiuto ai Carabinieri. Ha avuto il coraggio di denunciare ed è andata in Caserma. Proprio in quei momenti il 43enne è entrato in casa e – non trovando la moglie – ha incominciato ad inveire nei confronti della sorella della consorte che era lì per accudire la loro figlia di 7 anni.

Pochi minuti e i Carabinieri sono arrivati. Bloccato, è stato arrestato.
Il 43enne è ora in carcere in attesa di giudizio.
Altro episodio di violenza, questa volta a Pozzuoli. I carabinieri della locale stazione hanno eseguito un provvedimento emesso dal Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura nei confronti di un 27enne. L’uomo è ritenuto responsabile dei reati di violenza sessuale, maltrattamenti in famiglia e lesioni personali nei confronti dell’ex fidanzata. La donna ha avuto la forza di denunciarlo e per lui sono scattate le manette.
Questi sono solo gli ultimi dei molti episodi di violenza di genere che hanno visto in prima linea i Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli.
Basti pensare che nel periodo compreso da Gennaio 2020 ad oggi sono 971 circa le denunce raccolte per maltrattamenti in famiglia: 306 le persone arrestate, 653 quelle denunciate a piede libero e 159 i divieti di avvicinamento notificati.
700 sono le denunce raccolte per stalking con 144 persone arrestate, 390 quelle denunciate a piede libero e 166 i divieti di avvicinamento notificati.
Consapevoli della delicata tematica, gli uomini e le donne dell’Arma sono sempre vicini alle vittime e pronti a fornirle tutto l’aiuto e il supporto possibile grazie anche ai centri anti-violenza presenti sul territorio.

Continua a leggere

Le Notizie più lette