Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Cultura

IV edizione di Nero/Giallo 11 e 12 novembre. La rassegna dedicata al noir quest’anno in streaming

Pubblicato

il

Nero/Giallo


Nero/Giallo IV edizione: 11 e 12 novembre 2020.
Roma, Milano, Napoli, Palermo, New York, Rio de Janeiro in streaming.

 

L’11 e il 12 novembre l’Instituto Cervantes presenta la quarta edizione di Nero/Giallo, il ciclo internazionale dedicato al noir che quest’anno si terrà in streaming, coinvolgendo tutti e 4 i suoi centri italiani (Roma, Milano, Napoli e Palermo), oltre alle sedi di New York e Rio de Janeiro.

Due giorni dedicati al romanzo giallo, alla novela negra, con alcuni tra i più autorevoli autori europei e sudamericani, protagonisti di incontri, conferenze e tavole rotonde sulle piattaforme digitali – Zoom e YouTube – e i social network – Instagram, Facebook e Twitter – dell’Instituto Cervantes.

Scrittori, sceneggiatori, illustratori e autori provenienti da Argentina, Colombia, Cuba, Ecuador, Spagna, Italia, Uruguay, Brasile si confronteranno, raccontando e analizzando il costante successo di questo genere letterario nato nella seconda metà del XIX secolo, che ancora oggi riscuote grande successo grazie all’ausilio della fiction e del fumetto.

Tra i protagonisti della rassegna: lo scrittore e sceneggiatore argentino Marcelo Figueras, romanziere con migliaia di copie vendute in Italia per le sue miscele di fantasy e romanzo criminale, lo scrittore cubano Leonardo Padura (protagonista del Club di Lettura), la galiziana Blanca Riestra, l’illustratore Modesto García, uno dei creatori di thread più popolari di Twitter. Alfredo Noriega, che condensa nei suoi scritti il mondo ecuadoriano e francese, lo scrittore uruguaiano Pedro Peña, il colombiano Pedro Badrán Padauí, gli italiani Francesco Costa, Giulia Calenda, Barbara Baraldi, Fausto Vitaliano, Rosa Teruzzi e Gina Maneri. E ancora, Gizella Meneses, ispanista del Lake Forest College in Illinois, la scrittrice cubana Teresa Dovalpage, l’autore brasiliano Rodrigo Santos, le spagnole Empar Fernández e Rosa Ribas, gli esperti di letteratura nera e professori dell’Università di Salamanca, Álex Martín Escribà e Javier Sánchez Zapatero, la poetessa e drammaturga venezuelana di origine sefardita Sonia Chocrón, le fondatrici di Qué Leer, María Alejandro Bello e Melissa Nahmens.

Nero/Giallo ritorna anche quest’anno, nonostante le difficoltà e le limitazioni dovute all’emergenza Covid, rilanciando la sua proposta e allargando i suoi confini geografici e linguistici. Con un’edizione ‘virtuale’ – #NeroGiallo2020 – che renderà omaggio a Benito Pérez Galdós, una delle figure più emblematiche della letteratura realista spagnola, nel centenario della sua scomparsa, con una conferenza del giornalista madrileno Manuel Marlasca. L’accesso a tutte le iniziative è gratuito.

Il programma completo (ora italiana):

  • Mercoledì 11 novembre:
    Ore 09:00 video-saluto di Leonardo Padura.
    Ore 10:00 video di Rosa Ribas.
    Ore 11:00 video di Empar Fernández.
    Ore 14:00 video Teresa Dovalpage.
    Ore 15:00 Twitdialogo con Modesto García.
    Ore 16:00 video di Rosa Teruzzi.
    Ore 18:00 video su Benito Pérez Galdós.
    Ore 19:00 Zoom. Incontro con Marcelo Figueras, modera Gina Maneri.
  • Giovedì 12 novembre
    Ore 10:00 video di Pedro Badrán Padauí.
    Ore 11:00 video di Alfredo Noriega.
    Ore 14:00 Twitconferenza di Alex Martín Escribà.
    Ore 15:00 Twitdialogo con Sonia Chocrón.
    Ore 16:00 video di Rodrigo Santos.
    Ore 17:00 video di Gizella Meneses.
    Ore 18:00 Zoom: Incontro “Schermi per il crimine” con Pedro Peña, Francesco Costa e Giulia Calenda. Modera Javier Sánchez Zapatero.
    Ore 19:00 Zoom: Incontro “Paese piccolo, romanzo noir grande?” con Blanca Riestra, Barbara Baraldi e Fausto Vitaliano. Modera Javier Sánchez Zapatero.

· TAVOLA ROTONDA – PIATTAFORMA ZOOM

  • Mercoledì 11 novembre ore 19 – Una nuova realtà: il crimine fantastico

Ospite: Marcelo Figueras. Modera: Gina Maneri
Tra le numerose varianti che il genere noir sta consolidando negli ultimi anni, ci sono titoli che contribuiscono ad un’abile unione di fantastico e criminale. Si mantiene lo sguardo sui punti grigi, luminosi e scuri dell’essere umano, ma in un ambiente insolito che non risponde agli aspetti più pratici della realtà.
Una splendida combinazione che comporta un’espansione di un genere che, nato molto aderente alla realtà sociale, ora spazia alla ricerca di nuovi orizzonti immaginari.

  • Giovedì 12 novembre ore 18 – Schermi per il crimine.

Ospiti: Pedro Peña, Francesco Costa, Giulia Calenda.
Modera: Javier Sánchez Zapatero
La narrazione noir gode di un’enorme popolarità al cinema, in TV, nelle serie online e molte di queste trovano origine da un libro. Il crimine, l’oscurità delle storie che si muovono nell’odore dell’inchiostro e della carta, viaggiano verso versioni visive strutturate partendo da risorse narrative proprie del linguaggio di una sceneggiatura. L’antico dilemma degli adattamenti si rimette in discussione con la popolarità del genere noir. Vedere o leggere il mondo della fiction criminale? Rimanere ancorati all’originale scritto? Conformarsi alla versione visiva? La lettura è un atto intimo nel quale il lettore completa con l’immaginazione le proposte del libro. L’adattamento a generi cinematografici o televisivi trasmette il materiale della fiction in modo più nitido. Si perde o si acquista qualcosa in questo processo? Che provano gli autori nel vedersi interpretati sullo schermo?

  • Giovedì 12 novembre ore 19 – Paese piccolo, romanzo noir grande?
    Ospiti: Blanca Riestra, Barbara Baraldi, Fausto Vitaliano.
    Modera: Javier Sánchez Zapatero
    Si è soliti associare il genere noir ai grandi spazi urbani nei quali milioni di persone, interessi, storie e passioni convivono in un complesso scenario e nei quali il crimine possiede ulteriore mistero e anonimato. Tuttavia, il romanzo noir vive un processo di espansione di tale rilevanza che risulta sempre più naturale che le sue storie si verifichino in spazi cittadini più ristretti, inclusi paesi e villaggi in cui le chiavi del comportamento umano e i meccanismi di ricerca subiscono alterazioni diverse.
    La criminalità in una piccola città o in un paesino con personaggi e spazi molto opprimenti solleva nuovi interrogativi ogni volta che si perde la grandezza delle megalopoli. Cosa acquisisce il romanzo noir quando si svolge nell’inferno di uno spazio limitato? Che passioni si attivano tra i personaggi che condividono una quotidianità più stretta? Sono più forti le passioni e gli attriti tra i personaggi che hanno una salda storia in comune?

· NERO GIALLO IN IMMAGINI (Instagram e YouTube)

Una rassegna rappresentativa degli autori più interessanti del romanzo noir contemporaneo nella quale si condensano in pochi minuti le loro impressioni sul popolare genere. Due interrogativi occupano la maggior parte di questi video: qual è il suo romanzo noir preferito nella sua lingua? Quali elementi deve contenere il perfetto romanzo noir? La testimonianza concisa di coloro che immaginano nelle parole i labirintici e sinuosi sentieri della fiction criminale, disegnano un paesaggio di letture indispensabili e di rudimenti tecnici che rendono possibile la trascendenza del genere narrativo più popolare del momento.

  • Mercoledì 11 novembre su Instagram, YouTube
    Ore 09:00 Video-saluto di Leonardo Padura.
    Ore 10:00 Video di Rosa Ribas
    Ore 11:00 Video di Empar Fernández
    Ore 14:00 Video di Teresa Dovalpage
    Ore 16:00 Video di Rosa Teruzzi
    Ore 18: Conferenza di Manuel Marlasca – “Galdós e il romanzo noir”.

Una conferenza nella quale si sottolineano i tratti ante litteram che l’opera del grande autore madrileno Benito Pérez Galdós sviluppò con il genere noir. Uno sguardo nuovo e innovativo su un classico in spagnolo.

  • Giovedì 12 novembre su Instagram, YouTube
    10:00 Video di Pedro Badrán Padauí
    11:00 Video di Alfredo Noriega
    16:00 Video di Rodrigo Santos
    17:00 Video di Gizella Meneses

· NERO GIALLO SU TWITTER

  • Mercoledì 11 novembre ore 15:00

Modesto García, @modesto_garcia, famoso autore noir che ha diffuso la sua opera attraverso i social network come Twitter, dialoga con il team di @QueLeer sugli elementi fondamentali del suo lavoro e sul rapporto che instaura con i propri lettori. Classificato in quella che recentemente si definisce “twiteratura”, García ha trovato nei meccanismi del popolare social network un insolito percorso di comunicazione e interattività con i lettori. Fiction che partono dall’universo delle parole, ma si completano con foto, gif animate, emoticons, il mondo dislocato da questi racconti gioca con i confusi limiti tra l’immaginario e il reale, il giornalismo e l’invenzione.
@IC_Palermo – @ICNapoles – @romacervantes – @IC_Milan – @QueLeer

  • Giovedì 12 novembre ore 14:00

Conferenza dell’esperto Alex Martín Escribà, professore dell’Università di Salamanca, nella quale per mezz’ora presenterà una panoramica sintetica del romanzo noir più recente. Martín Escribá, uno dei maggiori esperti della moltiplicità di registri che offre la letteratura criminale, ci intratterà con una conferenza “twittata” nella quale potranno essere individuati gli elementi fondamentali delle fiction che, con i loro scenari oscuri ed i loro riflessi delle nostre società convulse, segnano il panorama letterario del momento.
@IC_Palermo – @ICNapoles – @romacervantes – @IC_Milan

  • Giovedì 12 novembre ore 15:00

Sonia Chocrón, scrittrice, poetessa, sceneggiatrice e drammaturga venezuelana di origine sefardita con il team di @QueLeer per raccontare il suo percorso e il rapporto con il romanzo noir. Chocrón, una delle autrici più apprezzate in Venezuela, dialogherà sul futuro della fiction criminale, del resoconto storico dei suoi romanzi, del momento sociale nel quale si sviluppano e dei percorsi intrapresi con i suoi lavori.

@IC_Palermo – @ICNapoles – @romacervantes – @IC_Milan – @QueLeer

LINK PER SEGUIRE GLI EVENTI DELLA IV EDIZIONE DI NERO/GIALLO

ZOOM:

El crimen fantástico: https://zoom.us/j/94648914559?pwd=QW1VaXd2VDRzQmNzTFVtdzQrMjN6UT09
Pantallas para el crimen: https://zoom.us/j/91471708738?pwd=UlNnQmVxamFaYm5mYVUzZUdPa1prUT09
Pueblo chico: https://zoom.us/j/92851380558?pwd=RDA4SnZaaW9Gd2xMQ2dVNXgxSGljZz09

FACEBOOK:

https://www.facebook.com/InstitutoCervantesMilano
https://www.facebook.com/institutocervantesnapoles
https://www.facebook.com/InstitutoCervantesPalermo
https://www.facebook.com/InstitutoCervantesRoma

TWITTER:

https://twitter.com/IC_Milan
https://twitter.com/ICNapoles
https://twitter.com/IC_Palermo
https://twitter.com/romacervantes

INSTAGRAM:

https://www.instagram.com/institutocervantesmilan
https://www.instagram.com/institutocervantesnapoles
https://www.instagram.com/institutocervantesroma

YOUTUBE:

http://www.youtube.com/user/cervantesmilano
http://www.youtube.com/user/institutocervantepal
https://www.youtube.com/channel/UC4lObWNCGPKIFsGvVvfX-Dw

 

Continua a leggere
Pubblicità

Caserta e Provincia

Il Liceo ‘Giannone’ di Caserta primo al Premio Nazionale ‘Storie di Alternanza’

Pubblicato

il

Caserta Liceo
foto comunicato stampa

Caserta. Con il progetto “Stay at Home (coronavirus + emergency) Film Festival”, il Liceo “Pietro Giannone” di Caserta vince il Premio Nazionale “Storie di Alternanza”. Il Premio è organizzato da Unioncamere che premia le migliori esperienze di alternanza scuola-lavoro tenute nell’anno scolastico 2019/20 sull’intero territorio nazionale.

 

Il Liceo casertano raggiunge il primo premio assoluto nella categoria licei superando oltre duecentotrenta progetti in gara (che hanno impegnato oltre tremila allievi) provenienti da tutta Italia e dopo essere stato già vincitore, lunedì, del premio provinciale organizzato dalla Camera di Commercio di Caserta.

L’evento di premiazione, che si è svolto ieri pomeriggio in diretta web a causa delle restrizioni dovute alla pandemia, è stato introdotto dal ministro dell’istruzione, Lucia Azzolina, e dal presidente di Unioncamere, Carlo Sangalli. Entrambi hanno sottolineato l’importanza dei percorsi di alternanza scuola-lavoro all’interno della scuola e di come la connessione tra istituti d’istruzione secondaria superiore lasci ai giovani allievi un bagaglio di competenze che non può formarsi solo sui banchi. La pandemia ha, certamente, condizionato la conclusione e l’inizio di tanti progetti di alternanza (adesso chiamata PCTO, Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento), ma molte realtà hanno deciso di continuare ad investire nelle iniziative continuando a portare avanti i progetti anche in didattica a distanza.

Accanto al Liceo “Giannone” sono stati premiati, al secondo posto, il Liceo «Vasco Beccaria Govone» di Mondovì (Cuneo) ed, al terzo posto, l’Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore «Alessandro Volta» di Francavilla al Mare (Chieti). Per la categoria istituti tecnici e professionali, il podio è andato all’Istituto Tecnico Economico «Franz Kafka» di Merano (Bolzano) con il terzo posto, all’Istituto Tecnico Industriale «Amedeo Avogadro» di Torino con il secondo posto, ed all’Istituto Tecnico Industriale «Giuseppe Omar» di Novara con il primo posto.

Lo “Stay at Home (coronavirus + emergency) Film Festival” – realizzato dagli studenti della classe II E del Liceo Classico della Comunicazione con i professionisti della Sly Production s.r.l. di Caserta diretta da Silvestro Marino – è un festival cinematografico, sviluppato in pieno tempo di pandemia, che ha puntato, nei giorni più duri del lockdown, a selezionare i migliori lavori cinematografici indipendenti realizzati da registi e videomaker durante la costrizione in casa. L’iniziativa, promossa attraverso il web – e realizzata con la docente e tutor interna del progetto Margherita Vozza e l’assistenza del tutor aziendale Gianrolando Scaringi – ha raccolto più di mille film, documentari e film d’animazione provenienti da settantasette nazioni diverse ed è attualmente al vaglio del Patrocinio da parte della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Le motivazioni del premio al Liceo “Pietro Giannone” sono state introdotte dal presidente della Camera di Commercio di Caserta, Tommaso De Simone. Presenti alla diretta, in rappresentanza della scuola, la dirigente scolastica Marina Campanile – che ha ricordato come il «Giannone» sia stato un precursore, a livello nazionale, nell’inclusione del percorso di studi del liceo classico della comunicazione – e dell’allieva Angela Palaia che ha raccontato il progetto dal punto di vista degli studenti.

Segui le attività del Liceo su Facebook: https://www.facebook.com/Liceo-Pietro-Giannone-Caserta-546515915426980/

«La soddisfazione per la vittoria è grande – ha commentato il presidente Tommaso De Simone – ancora di più perché la Camera di Commercio di Caserta, negli ultimi anni di partecipazione al Premio, ha sempre espresso progetti che si sono aggiudicati importanti posizioni nei premi nazionali. Questo dimostra e continua a dimostrare, soprattutto con la vittoria di quest’anno, che il rapporto tra istituti superiori della provincia ed imprese del territorio genera progetti validi che mettono in luce aziende di grande valore, scuole virtuose e ragazzi in gamba».

«Il Premio Nazionale “Storie di Alternanza” Conferma il prestigio nazionale del Liceo “Giannone” – ha commentato la preside Marina Campania – e premia l’innovazione del curricolo del liceo classico con indirizzo comunicazione. Il riconoscimento ottenuto dimostra come filologia e classicità siano strumenti adatti a primeggiare nel mondo del management, dell’imprenditoria, dei social e generino opportunità di creare impresa, arte, tecnologia, comunità ed internazionalizzazione. Il tutto promuovendo la lingua lo stile la cultura italiana nel mondo».

Il Festival attende, ora, la sua serata evento che si sarebbe dovuta svolgere – con la collaborazione di Asi Campania, Panathlon Club Caserta e Rotary Club Caserta «Luigi Vanvitelli» – nel prossimo dicembre e che si svolgerà, invece (con le dovute premesse, nella speranza che si concluda a più presto la difficile emergenza coronavirus) nel mese di maggio 2021.

Sai che https://www.cronachedellacampania.it/2020/11/covid-natale-con-ristoranti-chiusi-e-coprifuoco-alle-22-anche-a-capodanno/

Continua a leggere

Cinema

Da una barlady romana il drink ispirato a un film di Fellini. La ricetta

Pubblicato

il

drink

Dalla bartender romana Valeria Bassetti, il drink cinema “Giulietta degli Spiriti” del 1965, ispirato al film di Federico Fellini.

 

BARTENDER: Valeria Bassetti, co- fondatrice e partner di Drink-It

INGREDIENTI:
30 ml Amaro Formidabile
15 ml Fifty Pounds London Dry Gin
3 spoon sciroppo di amarena
Violette disidratate commestibili Flower Power

Bicchiere: coppa

PREPARAZIONE
Mescolare gentilmente nel mixing glass gli ingredienti senza ghiaccio, aggiungere una scorza di limone biologico non trattato, abbondante ghiaccio e, con l’aiuto di un barspoon, raffreddare tutti gli ingredienti per almeno la durata di un sospiro. Forse due. Versare, filtrando in una coppa, possibilmente sottile, raffreddandola prima e svuotandola dei ricordi. Ricoprire la superficie del drink con un sottile e profumato strato di violette edibili Flower Power, prodotte da Sister’s Lab.

ISPIRAZIONE
“In assoluto il mio film di Fellini preferito! Cercando Giulietta, Susy, Valentina, Iris mi sono persa in quel che resta della Pineta di Fregene, alle volte casta, il più delle volte gioiosamente confusa. Moglie o amante? Santa o svergognata? Fellini racconta le donne senza giudicarle, amandole tutte, sognandole libere, e nella mia vita sono stata tutte le donne di Giulietta, in momenti diversi e molto spesso dietro il bancone, la mia personale casa sugli alberi. Dove poter essere me stessa, pur cambiando ogni notte. Il Fifty Pounds London Dry Gin è la fermezza e l’eleganza che ogni donna riscopre come doti innate ed esalta la naturale voluttuosità del romano Amaro Formidabile. Entrambi questi prodotti hanno un richiamo liberty e uno stile inconfondibile, il tappeto di viole Flower Power, che riveste il drink, è l’emblema del pensiero – quello di Giulietta – finalmente libera di essere se stessa. Il consiglio è di bere il drink sognando ad occhi aperti”.

drink

Valeria Bassetti

Continua a leggere

Le Notizie più lette