Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Calcio Napoli

Napoli, Gattuso: ‘Troppe polemiche. Scudetto? Facciamo i seri’

Pubblicato

il

gattuso,scudetto,Mario Rui


 “Troppe polemiche, noi siamo una squadra forte. Quando si gioca male sono il primo che ci mette la faccia. Questa è una squadra che deve essere sempre sul pezzo.

Quando subiamo delle legnate dobbiamo reagire subito. Oggi e sono andati in tribuna perché hanno fatto ieri delle grandi passeggiate, oggi sono stati con la squadra, domani è un altro giorno, senza rancore e nessun problema. Sono soddisfatto di tutto quello che stiamo facendo”. . Così Rino , tecnico del Napoli, a Sky Sport, dopo il match vinto contro il Bologna. “L’andazzo che sta sentendo a Napoli, non mi piace, troppe polemiche. Troppi maestri, dobbiamo lavorare. Ognuno deve fare il suo, le responsabilità sono mie, se sbaglio me ne vado a casa”, ha aggiunto. “Dobbiamo migliorare in fase realizzativa, con il Sassuolo avevamo fatto una buona partita, se le partite non le chiudi poi diventa difficile. Oggi essere riusciti a non dare mai la profondità al Bologna è stata tanta roba, sulla finalizzazione dobbiamo fare di più. ? Dobbiamo fare i seri”, ha concluso.

 

 

 

Continua a leggere
Pubblicità

Calcio

Maradona, Zoff: ‘Il più grande di tutti i tempi, il più memorabile artista’

Pubblicato

il

maradona zoff
foto di repertorio

 “Chi era Maradona? Il più grande di tutti i tempi, il più memorabile artista. Io li amo, gli artisti. E li ho sempre invidiati perché sanno creare. Sa, io sono un portiere e il mio lavoro è parare la creatività degli altri, solo questo”. Sono le parole di Dino Zoff, ex portiere della Juventus, a ‘La Repubblica’ su Diego Armando Maradona.

“A un artista si concede tutto? Mai mi sono permesso di giudicarlo perché l’arte è prepotenza, illumina ogni cosa. Un artista non si comporta come i comuni mortali. Diego è stato il più speciale fenomeno che io abbia mai visto su un campo di pallone”. Da allenatore: come avrebbe gestito un tipo così? “Lo avrei lasciato libero di fare quello che voleva. Mica puoi rompere le scatole a un genio, o chiedergli di fare il terzino, di coprire. Anche se poi era amatissimo dai compagni perché non li lasciava mai soli a sgobbare per lui. Dava fiducia agli altri, che pensavano: teniamo duro, tanto lui ci fa il numero e vinciamo”, aggiunge Zoff che sulla possibilità di giocare insieme nella Juve, dice: “Magari! Ma non credo che Diego sarebbe stato diverso, non penso che qualcuno avrebbe potuto addomesticarlo. Ci saremmo goduti, nel caso, il Maradona assoluto che è sempre stato.

Meglio di Pelé? Secondo me, sì. Pelé era forse più completo ma meno geniale, meno folle. In Messico nel ’70 aveva fatto quasi il centrocampista, era meraviglioso, ma non era Diego. C’è qualcun altro che si potrebbe accostare a Maradona? Direi Sivori. Possedeva un tempismo stratosferico, innaturale, ma non il fisico di Diego. Era gracile, mentre Maradona era un torello. Sivori scappava, sentiva le gambe del difensore come un medium, non lo atterravi mai. Non restava che prenderlo a calci nel sedere. Anche se una volta, veramente, io lo sderenai”. (

Continua a leggere

Calcio Napoli

Maradona, una delegazione della Roma guidata da Bruno Conti porterà una corona di fiori al murales dei Quartieri

Pubblicato

il

Maradona bruno conti

Maradona, una delegazione della Roma guidata da Bruno Conti porterà una corona di fiori al murales dei Quartieri.

Non solo le iniziative della Lega Serie A per Maradona. La Roma ha pensato di omaggiare l’ex dieci del Napoli in occasione della sfida di domenica inviando una propria delegazione ai Quartieri Spagnoli, per deporre una corona di fiori sotto al murales dedicato a Diego. A “capo” della delegazione nelle prossime ore ci sara’ Bruno Conti che non appena saputo della morte di Maradona e’ stato tra i primi a esprimere il suo cordoglio.

Continua a leggere

Le Notizie più lette