ultrà ucciso

Mancano le prove per sostenere che sia stato Fabio Manduca a travolgere e uccidere col suo suv Daniele Belardinelli, l’ultra’ del Varese morto negli scontri del 26 dicembre 2018, poco lontano dallo stadio di San Siro prima della partita fra Inter e Napoli.

Lo ha spiegato l’avvocato Eugenio Briatico, difensore dell’ultra’ del Napoli a processo con rito abbreviato davanti al gup di Milano Carlo Ottone De Marchi. Dopo la richiesta di condanna a 16 anni da parte della Procura, la difesa ha chiesto l’assoluzione “per non aver commesso il fatto” e in subordine la derubricazione da omicidio volontario a omicidio stradale o preterintenzionale col riconoscimento della scriminante dello “stato di necessita’” per la situazione di “pericolo” che si era creata negli scontri. La sentenza e’ prevista per il prossimo 30 novembre.

Scrivi la tua opinione


Napoli, migrante lavora per restituire decoro al cimitero di Poggioreale, che versa in gravi situazioni

Notizia Precedente

A Boscoreale altri 44 positivi, i contagiati sono 137

Prossima Notizia


Iscriviti alla Newsletter per leggere le ultime notizie


Ti potrebbe interessare..