Seguici sui Social

Calcio Napoli

Il messaggio di Gattuso ai napoletani: ‘Tristi per Maradona, ma ora serve buon senso, basta assembramenti’

PUBBLICITA

Pubblicato

il

foto di cronache della campania


“Siamo tristi per la scomparsa di Maradona. Pero’ in questo momento la citta’ deve avere buon senso, troppa gente non ha indossato la mascherina. Rischiamo di pagare le conseguenze”.

Questo l’appello dell’allenatore del Napoli, Gennaro Gattuso, a proposito degli assembramenti che si sono venuti a creare nel corso delle commemorazioni di Diego Armando Maradona.

Il tecnico sollecitato dalle domande dei giornalisti di Sky non le ha mandate a dire come suo solito sulla vicenda Juventus-Napoli: “La mia squadra sul campo ha fatto 18 punti. Stavamo per partire e avevamo molte chance di fare risultato a Torino. Confido nella giustizia. Ora voglio alzare l’asticella perche’ abbiamo una squadra forte. La formazione da battere sara’ l’Inter oltre alla Juventus che e’ abituata”.  Nella serata di oggi Insigne e compagni tramortiscono la Roma con un poker senza storia al San Paolo: “A volte per non rompere le scatole ai calciatori, faccio passare qualcosa. E invece sbaglio, non devo far passare nulla o passa un segnale negativo. Ai miei tempi bisognava parlare poco, ora invece ai giocatori deve venire la nausea. Dobbiamo giocare sempre con questa voglia e intensita’. Abbiamo chiuso le linee di passaggio e dobbiamo continuare cosi’ perche’ la prestazione e’ stata grandissima. Sono soddisfatto dell’atteggiamento”, ha aggiunto Gattuso.

LEGGI ANCHE  Vaccino, De Luca: 'Nostro obiettivo 20mila inoculazioni al giorno'

Contro i giallorossi e’ stato decisivo Zielinski, costantemente pericoloso tra le linee dove la Roma ha faticato a chiudere gli spazi: “Per me e’ uno dei giocatori piu’ forti che abbiamo in rosa. Nelle ultime settimane non si reggeva in piedi a causa del Covid, ha faticato a recuperare ma e’ uno in grado di abbinare corsa, balistica e tecnica”, ha concluso il tecnico del Napoli.


Continua a leggere
Pubblicità

Calcio Napoli

Meret: ‘E’ bello essere un calciatore del Napoli’

Pubblicato

il

Il portiere del Napoli, Alex Meret ha parlato ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli

“Spero in un 20121 più positivo come squadra e il ritorno dei tifosi allo stadio molto importanti per noi, continuità non guasterebbe. Sono contento del percorso che sto facendo. Il gol Babayoko a Udine è stato importantissimo perché ci ha permesso di ritrovare la vittoria e per ripartire al meglio in campionato e trovare la continuità. Aver perso calciatori importanti per un periodo è stato sicuramente un danno ma ora li stiamo recuperando e andiamo avanti. Non esistono gare facili in Italia e anche contro l’Empoli abbiamo creato tanto, loro hanno trovato due bellissimi gol. Sul primo ero coperto dai miei compagni. Certi i miracoli si possono fare sempre”.

L’estremo difensore del Napoli intervistato dal direttore Walter De Maggio ha anche parlato del pranzo di ieri di tutta la squadra in un ristorante di Ercolano.  “E’ stata una bella occasione- ha detto- per stare insieme e da oggi abbiamo subito ripreso a lavorare. E’ un momento complicato e adattarci alla situazione che stiamo vivendo perché non non c’è molto tempo per recuperare e preparare al meglio la gara successiva. Contro la Fiorentina faremo sempre il nostro gioco anche se ha calciatori di qualità. Nella fase offensiva- ha spiegato Meret- dobbiamo essere più cattivi sotto porta. Involuzione dopo la sconfitta con l’Inter? E’ stata immeritata, abbiamo fatto una grande partita così come contro lo Spezia.  Contro la Juventus sarà una grandissima sfida, ma noi daremo di tutto per dare un’altra gioia ai nostri tifosi. Vincere con continuità ti dà molta fiducia e noi la dobbiamo ritrovare dopo le ultime gare. Giocare senza pubblico è molto triste e non avere i tifosi allo stadio fa un effetto negativo. Speriamo che tornino presto. L’affetto dei tifosi del Napoli è particolare- ha concluso- e fa grande piacere ed è bello essere un calciatore del Napoli. Le critiche? Bisogna vivere le situazioni belle e brutte con equilibrio e concentrarsi sul lavoro. Italia? Ha fatto molto bene negli ultimi due anni e agli Europei possiamo dire la nostra”.

LEGGI ANCHE  Gattuso: 'Vittoria importante. Osimhen? Sta meglio, speriamo si negativizzi presto'
Continua a leggere

Le Notizie più lette