Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Acerra

Morte di Maria Paola, l’ Arcigay: ‘Transfobia e misoginia sono violenza strutturale, serve una legge’

Pubblicato

in



Morte di Maria Paola, l’ Arcigay: ‘Transfobia e misoginia sono violenza strutturale, serve una legge’.

 

“Nel dramma che si è consumato ad Acerra e che è costato la vita a , una giovane di appena 22 anni, ci sono tutte le tracce di una violenza strutturale che da molto tempo, assieme a molti altri e altre, denunciamo”. Lo ha dichiarato , segretario generale di Arcigay, aggiungendo: “La relazione tra Maria Paola e Ciro, il suo compagno trans, diventa il bersaglio di una società transfobica, che elegge a suo sicario un maschio, il fratello di Maria Paola, che in linea con la cultura patriarcale del nostro Paese si sente in diritto di decidere della vita della sorella e che è pronto a sanzionare con la violenza ogni trasgressione a questo comandamento. Maria Paola per il fratello è ‘infetta’ perciò occorre darle ‘una lezione’.

Ci piacerebbe poter inserire questa storia tra i fatti straordinari, che capitano una volta ogni mille anni. Ma non è così: sfidiamo chiunque, specie chi in Parlamento è sempre pronto a minimizzare questi fatti, a dire che transfobia, violenza, oppressione delle donne, sono fenomeni eccezionali e non – come da sempre sosteniamo – ordinari e strutturali nella nostra cultura dominante. La nostra battaglia a sostegno della proposta di legge contro omobitransfobia e misoginia sta nel solco di questa convinzione e soprattutto nella consapevolezza che una legge da sola non riuscirà ad estirpare fenomeni così radicati. Ma quella legge serve, è un passaggio ineludibile per produrre un cambiamento”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Il commovente post di Ciro a Maria Paola: ‘Non immagino una vita senza di te’

“E serve subito: ogni rinvio, ogni tentativo di indebolimento, ogni ostruzionismo sposta quel cambiamento in avanti, rafforzando la cultura della violenza. Di questo portano la responsabilità tanto il Parlamento quanto il Governo. Oggi per noi è un’altra giornata tristissima, in un calendario denso di giornate tristissime. Mandiamo il nostro affetto e la nostra vicinanza alle persone che hanno amato Maria Paola e la sua libertà e un abbraccio particolare a Ciro, che in queste ore di dolore straziante deve anche fare i conti con i tanti che ancora oggi nei mass media non riescono a parlare con rispetto della sua identità di genere”, ha concluso Piazzoni.

“La vicenda avvenuta in provincia di Napoli, dove Maria Paola, una ragazza di vent’anni che aveva una relazione con una persona transessuale, e’ stata brutalmente uccisa dal fratello, e’ l’ultimo, gravissimo e assai triste episodio di una settimana difficile, in cui numerosi sono stati gli atti di violenza riconducibili a una cultura della sopraffazione, incapace di concepire e accettare il diverso da se'”. Lo scrive su Facebook il ministro per le Pari Opportunita’ e la Famiglia, Elena Bonetti.

“Se il movente di questo speronamento che ha causato la morte della ragazza e il ferimento del compagno fosse definitivamente confermato, ci troveremmo di fronte a un episodio di cieca violenza omotransfobica, che rende ancora piu’ necessari non solo adeguati strumenti di tutela ma anche un dialogo in grado di costruire in questo Paese una reale e positiva convivenza delle diversita’. Le mie piu’ sincere condoglianze a chi conosceva e voleva bene a Maria Paola e un abbraccio sincero, con gli auguri di pronta guarigione, al suo compagno”, aggiunge.

Continua a leggere
Pubblicità

Acerra

Nigeriano latitante catturato ad Acerra

Pubblicato

in

Mercoledì pomeriggio gli agenti del Commissariato di Acerra hanno effettuato un controllo in un’abitazione di via Virgilio ad Acerra in cui hanno sorpreso Ose Okiduwa, 22enne nigeriano con precedenti di polizia e irregolare sul territorio nazionale, destinatario di un ordine di esecuzione per la carcerazione, emesso il 1° ottobre 2019 dall’Ufficio Esecuzioni Penali del Tribunale di Vicenza, poiché condannato alla pena di un anno, un mese e ventisei giorni di reclusione poiché ritenuto responsabile di produzione e spaccio di sostanze stupefacenti commessi nel novembre del 2018 a Vicenza.

Continua a leggere



Pubblicità

DALLA HOME

Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Gestito da Google FeedBurner

Le Notizie più lette