Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Musica

Esce ‘Profumo di colori’ di di Francesco Ruoppolo per Hydra Music

Pubblicato

in

profumo di colori


Esce domani per Hydra Music il nuovo album di Francesco Ruoppolo “Profumo di colori” (https://backl.ink/142779059).

 

“Profumo di colori” è un album che non è solo un album, ma un racconto di vita, di perdite, di amori e di occulta poesia. Per questo nuovo lavoro, composto da quindi tracce, il cantautore ha rinnovato la collaborazione con Hydra Music, con cui già nel 2014 pubblicò il suo secondo album “Gli occhi le mani il sorriso”.

Profumo di colori, dedicato al padre venuto a mancare da poco, raccoglie nella sinestesia del suo titolo esperienze, ricordi, momenti, e desideri futuri in un genere che ha in sé tutti i generi. “Il mio genere – afferma, infatti, l’autore – è non avere generi. È una sorta di manifesto il mio: quello di non scegliere un unico linguaggio musicale, ma usarli tutti”. Per la realizzazione dell’album, hanno collaborato con l’artista gli affermati jazzisti Marco De Tilla e Marco Sannini e i giovani talentuosi Alessandro Iovine, Maurizio Conte, Fabiana Sera e Francesca Petrilli.

I testi, tutti inediti scritti da Ruoppolo ad eccezione de Il mio volo, curato musicalmente da Luigi De Nicola, restituiscono realtà ed emozioni con una semplicità di espressione che sa cogliere i significati più profondi, lasciando un profumo, appunto, che ci conduce alla scoperta dei colori.

L’album sarà presentato domani, 25 settembre, alle ore 18.30, presso il Teatro dei Piccoli a Napoli.

INTERVISTA A FRANCESCO RUOPPOLO, AUTORE DELL’ALBUM “PROFUMO DI COLORI” di Carla Caputo

“L’uomo dei colori”: come nasce questo brano?

“L’uomo dei colori” è mio padre. Quando nel 2016 una terribile malattia lo ha portato via dai nostri occhi e in nostri abbracci, non abbiamo mai smesso di parlare di lui, raccontandoci una enorme quantità di aneddoti, perché mio padre era un personaggio spettacolare, di una creatività incredibile, geniale, un po’ folle; e parte di questa follia me la sento felicemente addosso. Una sua caratteristica era, appunto, quella dei colori, quando preparava qualcosa la riempiva di colori, era quasi barocco. Questa canzone l’ho aspettata quasi quattro anni; quando a gennaio (dopo altri tentativi a vuoto) è partita l’idea che sentivo giusta, ho deciso che il disco poteva uscire, senza non avrei chiuso il lavoro.

“Mi manchi” inedito che passerà in radio. Di cosa tratta?

È un brano dove ho cercato la semplicità, senza messaggi particolari, se non la frase stessa che ne dà il titolo, la frase più utilizzata tra due innamorati, dopo “ti amo”. Una ballata rock dal sapore anni ’90, dove si racconta il tornare alla vita di tutti i giorni, dopo la fine di una storia importante, storia che però continua a lasciare una scia di profumo di vaniglia, la dolcezza di qualcosa che è stato e non potrà più essere, ma ha timbrato sul cuore il viso della persona che ha scelto di andare via, invece di restare.

In una tua presentazione si parla di ballate romantiche, un genere tanto caro al Cavalcanti. Possiamo soffermarci? Quanto la poesia ha influenzato la stesura dei testi? A chi si ispira?

Si, ho parlato di moderno dolce stil novo, apparendo forse presuntuoso; ma era per far capire la direzione del brano in particolare (“Ancora un attimo”), ma anche gli altri dedicati alle donne che ho amato. La figura della donna angelicata mi piace. La poesia ha influenzato moltissimo la mia scrittura, ne ho studiato le forme, uno studio appassionato universitario e personale; mi affascina chi riesce – come Dante – a comporre centinaia di versi perfettamente matematici e letterariamente emozionanti, e chi – come Montale – riesce con una frase ad esprimere il tutto.

In una tua presentazione parli di “manifesto artistico”. Cosa intendi?

Il mio manifesto artistico consiste nel desiderio di pensare che un mio disco, scorrendo in un’autoradio, a casa o in un pc, dia l’impressione dell’ascolto di una radio di altri tempi, quelle ascoltate da ragazzino, dove si ascoltava di tutto e dove ci si nutriva l’anima in maniera onnivora, con canzoni del momento.

Cosa ti aspetta da questo album?

Mi aspetto di regalare 47 minuti di emozioni in musica a chi deciderà di acquistare il disco. E spero che mio padre, lassù, sia contento di questo lavoro.

Continua a leggere
Pubblicità

Caserta e Provincia

Aversa, Abbazia S. Lorenzo: domenica 25 il concerto itinerante Cantate Domino

Pubblicato

in

aversa abbazia s lorenzo

L’iniziativa nata dalla collaborazione tra l’ensemble vocale “La Vaga Aurora”e l’Associazione “in Octabo”, che illustrerà in una visita guidata i tesori dell’Abbazia. Posti su prenotazione.

 

 

Musica e cultura, arte e spiritualità: domenica 25 ottobre 2020 alle ore 19,00, il Complesso Abbaziale di S. Lorenzo Aversa ospiterà l’evento speciale “Cantate Domino … Ad Septimum”.
Si tratta di un concerto “itinerante” curato dall’Ensemble vocale “La Vaga Aurora” e dall’Associazione “In Octabo”, un’originale e affascinante combinazione tra esibizione canora e visita guidata alla scoperta della magnifica Abbazia benedettina.

“L’intento è quello di svelare agli occhi degli spettatori i luoghi storici della città di Aversa, valorizzandoli con eventi artistici e manifestazioni di carattere culturale”, spiegano Angela Fusco e Angela Di Foggia, membri rispettivamente dell’ensemble vocale e dell’associazione culturale. “Con il suo magnifico sagrato e i due bellissimi chiostri rinascimentali, l’abbazia di S. Lorenzo diventa un palcoscenico a cielo aperto per una esibizione di canto a cappella che ripercorre tutto il patrimonio musicale del ‘500, tra villanelle, madrigali e musica sacra”. La visita guidata condurrà il pubblico alla scoperta di uno dei luoghi più antichi della città, tra curiosità e storia, e sul finire del percorso si potrà ancora godere della musica con una sosta breve all’interno della chiesa.

L’iniziativa di domenica prossima fa parte del percorso culturale ideato nell’ambito delle celebrazioni per l’anno giubilare, a 25 anni dalla riapertura al culto dell’Abbazia. Patrocinato dal Comune di Aversa, l’evento si svolgerà in sicurezza rispettando i protocolli previsti dalle normative anti Covid19.

Per questo motivo si rende necessaria la prenotazione al numero 328 0085303.

Continua a leggere

Le Notizie più lette