Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Acerra

Domani a Caivano i funerali di Maria Paola

Pubblicato

in



 Saranno celebrati domani alle 16:30 nella chiesa di San Paolo Apostolo, al parco Verde di Caivano, i funerali di Maria Paola Gaglione.

La salma, come si apprende da un collaboratore del parroco, don Maurizio Patriciello, arrivera’ in chiesa alle 16. Michele Gaglione e’ “incapace di controllare le proprie pulsioni aggressive” e dimostra “una accentuata pericolosita’ sociale”. Con queste motivazioni il gip di Nola (NAPOLI), Fortuna Basile, convalida il fermo e ordina la custodia cautelare in carcere per il fratello di Maria Paola, la giovane rimasta uccisa cadendo dal motorino durante l’i’nseguimento da parte di Michele, che avversava la sua relazione con un giovane transgender, Ciro, rimasto ferito in modo non grave. Il giudice rileva la collaborazione offerta dall’arrestato, che ha fornito anche dichiarazioni autoaccusanti (ad esempio ammettendo di aver colpito Ciro dopo la caduta) ma reputa “inadeguata” la misura della detenzione domiciliare, malgrado Gaglione sia incensurato. L’accusa resta quella di omicidio preterintenzionale aggravato da futili motivi, oltre che di violenza privata nei confronti di Ciro.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Morte Maria Paola, il gip:Esiste pericolo di recidiva. I legali: Ricorreremo al Riesame

Il fratello di Maria Paola si dichiara innocente: Volevo solo parlare, non l’ho speronata

Il gip quindi non ritiene attendibile la versione difensiva del 30enne, che ha ammesso l’inseguimento di notte in una stradina di campagna, lui a bordo di una potente moto sulle tracce dello scooter guidato da Ciro, che teneva Maria Paola sul sellino. “Li ho inseguiti, ma non per fare del male. Maria Paola era andata via di casa un mese fa – ha detto Gaglione al pm, secondo quanto riferito dai suoi difensori Domenico Paolella e Giovanni Cantelli – e noi familiari eravamo disperati. Volevo fare in modo che tornasse a casa”. Ai carabinieri, Ciro Migliore ha invece riferito che durante l’inseguimento Michele Gaglione lo ha piu’ volte minacciato di morte dicendogli, testualmente, “ti taglio la testa”. Ciro racconta anche che la caduta e’ avvenuta dopo avere ricevuto da Michele un calcio sul lato sinistro dello scooter (segni di pedate sono stati rilevati dai carabinieri sul lato sinistro del motociclo). Secondo l’arrestato, invece, la caduta – rivelatasi fatale per Maria Paola che ha battuto violentemente la testa contro un irrigatore in cemento – sarebbe avvenuta a causa della perdita di controllo dello scooter da parte di Ciro. La difesa di Gaglione annuncia ricorso al Riesame.

Dal palazzo del parco Verde dove vive Ciro si levano urla da parte di donne che chiedono giustizia e inveiscono contro Gaglione e i suoi genitori: “Devono pagare, tutti e tre, per ogni giorno che gli resta da vivere. Non si puo’ morire per amore”. Non servono le parole di pace e riconciliazione che il parroco, don Maurizio Patriciello, continua a pronunciare. Il sacerdote oggi si e’ recato a trovare i genitori di Maria Paola, chiusi in casa dal giorno della morte della figlia. Oggi, 14 settembre, Ciro e la sua compagna avrebbero festeggiato tre anni di amore, vissuto con felicita’ e con coraggio malgrado gli ostacoli e le “continue minacce, anche di morte, da parte della famiglia di lei” raccontate dal giovane transgender. Di quell’amore restano solo i post sorridenti sui social e la fedina che Ciro ha ancora in tasca dalla notte dell’incidente: voleva offrirla oggi alla donna della sua vita.

 

Continua a leggere
Pubblicità

Acerra

Afragola, bloccato dalla polizia mentre compie una rapina: arrestato

Pubblicato

in

Rione Salicelle di Afragola: 19enne arrestato per tentata rapina e porto e detenzione abusiva di armi.

Stamattina gli agenti del Commissariato di Afragola, durante il servizio di controllo del territorio, hanno notato in via delle Nazioni Unite, all’esterno di un esercizio commerciale, una persona con il volto travisato che stava puntando una pistola contro un addetto alla consegna di generi alimentari.
L’uomo, alla vista della volante, ha tentato la fuga minacciando i poliziotti con l’arma ma gli agenti lo hanno bloccato recuperando la pistola ed accertando che si trattava di arma giocattolo priva di tappo rosso.
L’uomo, un 19 enne acerrano, è stato arrestato per tentata rapina aggravata e porto e detenzione abusiva di armi.

Continua a leggere



Acerra

Acerra, tentano assalto al bancomat con esplosivo: colpo fallito

Pubblicato

in

assalto bancomat

Acerra, tentano assalto al bancomat con esplosivo: colpo fallito.Banditi in fuga, indagano i carabinieri.

 

Assalto a un bancomat fallito, la scorsa notte ad Acerra, dove un gruppo di malviventi ha cercato di far saltare, con una carica esplosiva, lo sportello bancomat dell’Unicredit che si trova in corso Italia. Il rapido intervento dei carabinieri del nucleo radiomobile di Castello di Cisterna  e della stazione di Acerra, innescato dall’allarme, ha messo in fuga i banditi. Sull’accaduto sono in corso indagini da parte degli investigatori della sezione operativa dei militari di Castello di Cisterna.  I militari stanno visionando le immagini del sistema di video sorveglianza della banca e di quelle pubbliche e private nella zona dell’esplosione.

Continua a leggere



Le Notizie più lette