Caserta. La sera del 15 ottobre del 1982, l’agente di Polizia Penitenziaria, Gennaro De Angelis, veniva ucciso per aver detto di no alla e oggi, per onorarne il sacrificio, il carcere di Arienzo, in provincia di Caserta, è stato intitolato alla sua memoria.

 

De Angelis prestava servizio nel carcere di Poggioreale, era sposato e aveva tre figli, quando fu ucciso da due sicari a volto coperto mentre giocava a carte in un circolo ricreativo di Cesa, piccolo paese casertano dov’era nato. Addetto alla ricezione dei pacchi dei detenuti, non aver abbassato la testa ai criminali camorristi che pretendevano di far entrare nel carcere armi e altri contenuti illegali.

LEGGI ANCHE  Estrazioni del Lotto e numeri vincenti 10eLotto
ADS

“Oggi per impegni parlamentari non ho potuto partecipare alla cerimonia di intitolazione della casa circondariale di Arienzo in ricordo dell’estremo sacrificio dell’agente De Angelis che aveva appena 37 anni e ha dato la vita per rimanere fedele al suo mandato e non cedere al ricatto della camorra – è il commento del sottosegretario alla Giustizia, Vittorio Ferraresi -.

In quegli anni a Poggioreale si combattevano guerre sanguinarie tra clan nemici e De Angelis con la sua fermezza ha impedito loschi affari e regolamenti di conti. Alla sua famiglia e all’amministrazione del carcere giunga il mio più sentito ringraziamento e saluto”.



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

Pomigliano, la lista ‘Rinascita’ accusa: ‘Candidati assunti dal Comune’

Notizia precedente

Coronavirus, in Campania obbligo di misurazione temperatura ai dipendenti pubblici

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..