Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy



Flash News

Esplode il coronavirus in Campania: 138 casi. Mai così alti da mesi

Pubblicato

il

coronavirus campania


Esplode il caso coronavirus in Campania: sono ben 138. Mai così alto da mesi. Lo comunica l’Unità di crisi della regione Campania nel suo bollettino odierno.

Il dato è riferito all’ esito di 4.135 tamponi. Sono 5.722 i casi totali registrati in Campania dall’inizio dell’emergenza, mentre sono 383.487 i tamponi complessivamente analizzati. Si registra un nuovo decesso legato al coronavirus: il totale dei decessi in Campania sale così a 441. Sono 4 i nuovi guariti, per un totale di 4.356. Sono 925 gli attualmente positivi in Campania: 862 in isolamento domiciliare, 61 ricoverati con sintomi e 2 ricoverati in terapia intensiva.

“Si apre una settimana decisiva per avere un’idea della diffusione del contagio Covid in Campania; per il momento abbiamo pochissimi pazienti in terapia intensiva e cio’ sia per l’approccio generale alla malattia da parte delle strutture sanitarie regionali sia perche’ i casi di presentano come meno gravi rispetto al passato”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Esplode il coronavirus in Campania: 138 casi. Mai così alti da mesi

 

Cosi’ il direttore generale dell’Azienda dei Colli (da cui dipende l’ospedale napoletano Cotugno), Maurizio Di Mauro, “Vi sono molti asintomatici – aggiunge – il quadro va monitorato e lo si sta facendo. E’ efficace il sistema dei presidi di controllo nell’aeroporto”.

Continua a leggere
Pubblicità

Calcio Napoli

Mertens nella notte porta fiori al murales di Maradona ai Quartieri Spagnoli

Pubblicato

il

mertens fiori maradona quartieri spagnoli

Mertens nella notte porta fiori al murales di Maradona ai Quartieri Spagnoli.

Il calciatore belga del Napoli Dries Mertens ha omaggiato Diego Armando Maradona, morto il 25 novembre a 60 anni. Mertens si è recato in piena notte in via Emanuele De Deo nei Quartieri Spagnoli, nel larghetto che ospita lo storico murales di Maradona (già ribattezzato da qualcuno “Largo Diego Armando Maradona”), meta di tanti tifosi già dalle ore immediatamente successive alla notizia della morte del campione argentino. Il belga, impegnato poche ore prima allo stadio San Paolo nella sfida di Europa League contro il Rijeka, ha deposto un mazzo di fiori ai piedi del murales, dove è stato allestito un piccolo altare con lumini e foto di Maradona, ed è rimasto alcuni minuti in contemplazione. Nel video diffuso da napolimagazine.com si vede l’emozione e la compostezza dell’attaccante più prolifico della storia del calcio Napoli.

 

Continua a leggere

Calcio Napoli

Maradona ha lasciato una lettera: ‘Voglio essere imbalsamato’

Pubblicato

il

Maradona imbalsamato

Maradona ha lasciato una lettera: ‘Voglio essere imbalsamato’.

Diego Armando Maradona avrebbe firmato tempo fa una lettera in cui sostiene che, in caso di morte, il suo corpo dovrebbe essere imbalsamato. La notizia, diffusa nella tv argentina di Torneos y Competencias (TyC), e’ rimbalzata su vari media nelle ore in cui il tributo della gente al feretro del ‘pibe de oro’ nella Casa Rosada e’ degenerato in un caos.

Al riguardo il giornalista Martin Are’valo ha indicato che mesi fa Maradona ha firmato una lettera chiedendo che nel momento del decesso, il suo corpo fosse imbalsamato, per proteggerlo dal trascorrere del tempo. La lettera in questione, ha concluso Are’valo, sara’ consegnata alla famiglia di Diego al suo arrivo oggi nel cimitero ‘Jardin de Bella Vista’.

La salma di Diego Armando Maradona e’ stata portata fuori dal palazzo presidenziale argentino, la Casa Rosada, ed e’ ora diretta al cimitero Jardin di Bella Vista, dove sono sepolti anche il padre Don Diego e la madre Dona Tota. Il trasferimento e’ stato deciso dalla famiglia del “Diez” d’intesa con le autorita’, dopo i tumulti che hanno accompagnato la camera ardente. La bara e’ stata fatta uscire dal retro del Palazzo, nei cui dintorni sono ancora visibili numerosi assembramenti.

E’ stata chiusa la camera ardente allestita alla Casa Rosada per l’ultimo saluto a Buenos Aires al leggendario Diego Armando Maradona.  A inizio giornata, la polizia ha sparato gas lacrimogeni contro gli appassionati arrabbiati, che hanno scoperto che la camera ardente sarebbe stata chiusa prima di quanto precedentemente annunciato. Successivamente, il governo argentino aveva fatto retromarcia. Decine di migliaia di tifosi hanno passato ore ad attendere l’opportunità di rendere omaggio a Maradona per l’ultima volta.

Continua a leggere

Le Notizie più lette