Roberto-Ippolito_Delitto-Neruda


Roberto Ippolito con “Delitto Neruda” inaugura “Salerno Letteratura”. Obiettivo verità sabato 18 luglio

 

Conversazione con Monica Trotta alle 18.15 nella Corte interna della Guardia di finanza sul libro pubblicato da Chiarelettere, frutto di una vasta inchiesta internazionale. “Qui ci sono anche le prove”, osserva Diego De Silva. Ottava edizione del festival centrata “moltissimo sulle domande”, affermano i co-direttori artistici Gennaro Carillo, Matteo Cavezzali e Paolo Di Paolo. Con la missione di “far dialogare popoli e culture come antidoto alla violenza”, sottolinea il sindaco Vincenzo Napoli.

È la storia mai raccontata della morte del poeta Pablo Neruda. Finora non conosciuta ma tutta tragicamente reale: è quella che Roberto Ippolito ricostruisce dettaglio per dettaglio, pagina dopo pagina, con il libro “Delitto Neruda”, pubblicato da Chiarelettere. Con il quale inaugura l’ottava edizione di “Salerno Letteratura”: lo scrittore conversa con la giornalista Monica Trotta sabato 18 luglio 2020 alle 18.15 nella Corte interna della Guardia di finanza, via Duomo 21, all’aperto con il distanziamento sociale e le misure anti-Covid.

Obiettivo, dunque, la verità con l’incontro di apertura del festival. Una verità, quella della fine di Neruda, incredibilmente ostacolata ancora oggi. La scelta di dare il via con il libro di Roberto Ippolito appare coerente con la missione della manifestazione di “far dialogare popoli e culture come antidoto alla violenza, alla prevaricazione, alla funesta autoreferenzialità del tempo presente”, missione delineata come ricorda il sindaco Vincenzo Napoli dal fondatore Francesco Durante scomparso un anno fa.

Del resto questa edizione di “Salerno Letteratura” è centrata “moltissimo sulle domande”, fanno presente i co-direttori artistici Gennaro Carillo, Matteo Cavezzali e Paolo Di Paolo e le responsabili dell’organizzazione Ines Mainieri e del programma ragazzi Daria Limatola. Sabato 18, dopo l’inaugurazione partecipano al festival fra gli altri il vincitore del Premio Strega 2020 Sandro Veronesi (in collegamento streaming) con Stefano Petrocchi, direttore della Fondazione Bellonci, Gian Mario Villalta, Emanuele Trevi, Melania Mazzucco, Viola Ardone e Sandro Bonvissuto. Chiusura il 25 luglio.

LEGGI ANCHE  Napoli, minaccia i poliziotti: arrestato migrante a Poggioreale

“Delitto Neruda” ha i forti apprezzamenti di tutti gli ambienti culturali e in particolare degli scrittori Diego De Silva e Giancarlo De Cataldo, lettori in anteprima. Osserva De Silva sulla quarta: “Ippolito raccoglie i fatti e li processa, li ricompone, li inchioda. Sembra di essere davanti a una fedele applicazione del principio pasoliniano del sapere fondato sulla ricerca intellettuale. Solo che qui ci sono anche le prove”. Dice De Cataldo: “Chi uccide un poeta uccide la libertà. Roberto Ippolito firma un’inchiesta stringente e appassionante sulla misteriosa morte di Pablo Neruda”.

Sulla copertina si legge: “Il poeta premio Nobel ucciso dal golpe di Pinochet”. E sulla fascetta ci sono le parole del nipote Rodolfo Reyes: “Il mondo deve sapere la verità sulla morte di mio zio Pablo”.

Nella conversazione con Monica Trotta viene proposto un pezzo di storia del novecento: Cile 11 settembre 1973, l’instaurazione della dittatura militare di Pinochet, la fine di un sogno. Le case di Pablo Neruda devastate, i suoi libri incendiati nei falò per le strade. Ovunque terrore e morte. Anche la poesia è considerata sovversiva. A dodici giorni dal golpe che depone l’amico Allende, il premio Nobel per la letteratura 1971, il poeta dell’amore e dell’impegno civile, amato nel mondo intero, muore nella Clinica Santa María di Santiago. La stessa in cui, anni dopo, morirà avvelenato anche l’ex presidente Frei Montalva, oppositore del regime. Il decesso di Neruda avviene alla vigilia della sua partenza per il Messico, ufficialmente per un cancro alla prostata. Ma la cartella clinica è scomparsa, manca l’autopsia, il certificato di morte è sicuramente falso.

Visita il sito: https://www.salernoletteratura.com/

Ippolito ha raccolto le prove sostenibili, gli indizi e il movente della fine non naturale di Neruda, sulla scorta dell’inchiesta giudiziaria volta ad accertare l’ipotesi di omicidio, e per questo contrastata in ogni modo da nostalgici e negazionisti. Per la sua drammatica ricostruzione, illustrata a “Salerno Letteratura”, l’autore si è avvalso di una vasta documentazione proveniente dalle fonti più disparate: archivi, perizie scientifiche, testimonianze, giornali cartacei e on-line, radio, televisioni, blog, libri, in Cile, Spagna, Brasile, Messico, Perù, Stati Uniti, Germania, Regno Unito e Italia.

LEGGI ANCHE  Violenze, maltrattamenti: sette arresti in nove giorni tra Napoli e la Provincia

Il libro è scritto con il rigore dell’inchiesta e lo stile di un thriller mozzafiato. Protagonista, una figura simbolo della lotta per la libertà, non solo in Cile, vittima al pari di García Lorca, suo grande amico e illustre poeta, ucciso dal regime franchista.

Quando subisce una perquisizione a Isla Negra tre giorni dopo il colpo di stato, Neruda dice a un ufficiale: “Cerchi pure, capitano! Qui c’è una sola cosa pericolosa per voi!”. “Cosa?”. “La poesia!”.

Roberto Ippolito, scrittore e giornalista, conoscitore del mondo letterario, organizza eventi che portano la cultura fra la gente nei luoghi più vari: centri commerciali, mondiali di nuoto, navi, aeroporti, scuole, pullman (per il giro a tappe “conPasolini”), musei, siti Unesco.

Ha curato a lungo l’economia per il quotidiano “La Stampa”, con attenzione ai grandi fatti globali. È stato editor del Festival dell’economia di Trento. Ha dato vita al “Tour del brutto dell’Appia Antica”. È stato direttore della comunicazione di Confindustria e direttore delle relazioni esterne dell’Università Luiss di Roma, dove ha insegnato alla Scuola superiore di giornalismo.

È autore di libri d’inchiesta di successo. Fra questi “Evasori” (Bompiani 2008) che ha rivelato le dimensioni, la capillarità e i trucchi dell’illegalità fiscale a danno dei cittadini onesti e delle casse pubbliche: è perciò una circostanza davvero particolare la sua presenza nella Corte interna della Guardia di finanza. Altri suoi libri “Il Bel Paese maltrattato” (Bompiani 2010) e, con Chiarelettere, “Ignoranti” (2013), “Abusivi” (2014) ed “Eurosprechi” (2016).




Iscriviti alla Newsletter

* campi obbligatori

Altre Notizie

Monet, il nuovo singolo di Plug feat. Lele Blade

Tra i rapper più promettenti della scena campana, Plug ha solo 14 anni
Leggi tutto

Finto invalido su sedia a rotelle, è stato ripreso mentre scendeva dal furgone

Aveva ottenuto l'invalidità civile al 100% con totale e permanente inabilità lavorativa e necessità di assistenza continua
Leggi tutto

A1 in tilt nel Casertano, chilometri di coda per marcia dei mercatali

I mercatali, così come annunciato, si sono messi in marcia verso Roma per l’incontro al Mise
Leggi tutto

Contrabbando di sigarette e alcol: 7 arresti

L'operazione della Guardia di Finanza in provincia di Foggia e a Napoli. Il gruppo trafficava anche cocaina. Indagate altre 15...
Leggi tutto

Esami gratis in ospedale Caserta, processo per Zinzi e altri trenta

Il Gup del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha rinviato a giudizio gli imputati accusati di peculato d'uso
Leggi tutto

Guerra tra clan, spari a Ponticelli: l’obiettivo era Fabio Risi

Gli inquirenti hanno scoperto dei fori di proiettile conficcati in un'auto: potrebbe essere un agguato fallito
Leggi tutto

Grumo Nevano, rubavano energia elettrica per le loro case: denunciati in 3

I contatori delle loro abitazioni erano stati manomessi per rilevare consumi elettrici falsati.
Leggi tutto

Senatore M5s Fabio Di Micco, positivo al Covid insieme alla compagna

L'attivista grillino di Orta di Atella da un paio di giorni aveva manifestato “sintomi inequivocabili”
Leggi tutto

Si schianta con l’auto, muore 25enne della provincia di Caserta

La vittima si chiamava Maddalena D'Anna e lavorava in una Rsa. Si è schiantata contro un albero
Leggi tutto

Pozzuoli, 7 persone in un bar: tutti sanzionati

Irruzione al rione Toiano. Nel locale i carabinieri hanno anche trovato postazioni gioco non autorizzate
Leggi tutto

Ercolano: in cella Acampora, esponente del clan Ascione

L'uomo deve scontare oltre cinque anni di reclusione: controlli a tappeto in città per le norme anti-covid
Leggi tutto

‘Blues del giorno dopo’, il nuovo brano di Rosanna Salati per Aventino Music

In uscita per Aventino Music, 'Blues del giorno dopo' è un brano che parla di violenza, e condanna la concezione...
Leggi tutto

Napoli, col reddito di cittadinanza in giro di notte a rubare: arrestato

In manette un sorvegliato speciale e un complice incastrati dalle immagini della video sorveglianza della zona Vomero
Leggi tutto

Pantera nera a spasso nel Salento, si cerca il felino nelle campagne

E' stata avvistata da alcuni automobilisti nelle campagne di Lequile, in provincia di Lezze
Leggi tutto

Edurne Portela, scrittrice e giornalista, ospite dell’Instituto Cervantes

Mercoledì 14 aprile, dialogo con Paola Gorla in diretta streaming
Leggi tutto

Vaccini, in Campania oggi convocazioni regolari

E De Luca continua a chiedere che l'accumulo delle dosi Astrazeneca vada alle categorie economiche
Leggi tutto

Oroscopo di oggi la giornata segno per segno

le previsioni dello Zodiaco per oggi 13 aprile
Leggi tutto

Riportate a Napoli le due lesene rubate dalla Chiesa di Caponapoli

Erano state trafugate nel 1991. Erano finite in una casa d'aste di Genova
Leggi tutto

A scuola in attesa di tampone poi positivo. Classe in isolamento a Castellammare

Il caso alla scuola elementare Basilio Cecchi
Leggi tutto

I Casalesi e le mani sugli idrocarburi: oltre 100 gli indagati

Anche un carabiniere infedele tra gli arrestati. Le penetrazione della cosca nel territorio 'pulito del Vallo di Diano in provincia...
Leggi tutto

Altro Cultura


Cronache Tv



Ti potrebbe interessare..