Ritrovato il capostipite nella Tomba del Cerbero a Giugliano

Giugliano. Un'incredibile scoperta è stata fatta all'interno della Tomba...

Il Prefetto Marco Valentini presiede il Tavolo di osservazione sulla sicurezza urbana presso la I Municipalità

SULLO STESSO ARGOMENTO

Nella mattinata odierna, il Prefetto di Napoli, Marco Valentini, ha presieduto il Tavolo di osservazione sulla sicurezza urbana presso la I Municipalità, alla presenza dell’Assessore alla Sicurezza Urbana, Alessandra Clemente, del Presidente della Municipalità, Francesco De Giovanni di Santa Severina e dei responsabili locali degli uffici e comandi delle Forze dell’ordine, della Polizia Municipale e del rappresentante del Decanato.

La riunione odierna è l’ottava della serie di incontri programmati dal Prefetto presso le
Municipalità del capoluogo, finalizzate al confronto concreto con il territorio e con i bisogni e
le aspettative dei cittadini. La 1^Municipalità è costituita dai quartieri di Chiaia, Posillipo e San Ferdinando ed è un’area metropolitana con una particolare eterogeneità che scaturisce dalla coesistenza di zone ad alta residenzialità e zone popolari.
L’attività delle Forze dell’ordine presenti sul territorio risulta particolarmente intensa, con frequenti operazioni coordinate di controllo del territorio ad “Alto Impatto”, con la partecipazione della Polizia locale.

PUBBLICITA

Il fenomeno della movida rappresenta una delle problematiche più significative dell’area,
oggetto di attenzione nel costante tentativo di conciliare esigenze degli esercenti e diritto allavivibilità dei residenti. Altre tematiche approfondite sono state quelle delle persone senza fissa dimora, dei parcheggiatori abusivi e di nuovi fenomeni aggregativi spontanei, che recano disturbo alla pubblica quiete.
Il Prefetto ha evidenziato l’importanza del dialogo e della collaborazione fra tutti gli attori del territorio, al fine di mettere in campo azioni concrete a favore della cittadinanza, operando nella prospettiva della sicurezza partecipata, in cui ogni interlocutore deve offrire un proprio contributo alla risoluzione delle problematiche sul tavolo, al di là della presenza e della capacità di intervento che le FF.O. garantiscono.


facebook

LEGGI ANCHE

googlenews

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA