Il papà di Noemi: ‘Abbiamo sempre cercato giustizia, non vendetta’

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Noi abbiamo sempre cercato giustizia e non vendetta: e’ sempre stato questo il nostro obiettivo. Con le leggi che ci sono in Italia possiamo dire che siamo soddisfatti anche se per noi, quello che ci hanno fatto, non sarebbero stati sufficienti neppure cento anni di carcere per il dolore che ci hanno provocato”.

 

Cosi’, Fabio Staiano, papa’ della piccola Noemi, ha commentato la sentenza con la quale il Tribunale di Napoli ha condannato a 18 e 14 anni di reclusione i fratelli Armando e Antonio Del Re, che il 3 maggio 2019 in piazza Nazionale, a Napoli, presero parte all’agguato nel quale venne anche gravemente ferita Noemi, una bimba che all’epoca dei fatti aveva 4 anni, e la nonna. “E’ un segnale importante che e’ stato dato a noi come famiglia ma anche a tutta la citta’ e al Paese”, ha detto ancora Fabio Staiano.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Processo Noemi: 18 anni di carcere al killer, 14 al fratello

    Libera: “La giustizia ha fatto il suo corso e che certamente non ripaga il dolore, le ferite e le sofferenze della piccola Noemi.”

    “La magistratura ha fatto un lavoro esemplare”, ha detto ancora Staiano, commentando la presenza del procuratore Melillo alla lettura della sentenza. “Anche il sindaco – ha poi aggiunto il papa’ di Noemi – si e’ trattenuto con noi per circa un’ora. Ci ha manifestato la vicinanza e la solidarieta’ sua personale, dell’ amministrazione e anche di tutta la citta’. Ci sentiamo spesso – ha detto ancora Fabio Staiano – e ci siamo visti anche la scorsa settimana: ci e’ stato molto vicino in questa triste vicenda”.

    “Adesso andiamo da Noemi – ha poi concluso Fabio – per farla stare serena”. Anche il nonno materno di Noemi, Alessandro Esposito, ha espresso soddisfazione per la condanna inflitta a fratelli Del Re: “Riteniamo che e’ stata data una pena esemplare – ha detto il nonno di Noemi – siamo contento della decisione presa dal giudice. Mia figlia e’ scoppiata in lacrime, mi ha abbracciato. Anche lei soddisfatta”.






    LEGGI ANCHE

    Napoli, tragedia di San Giovanni a Teduccio, raccolta fondi on line per i figli rimasti orfani

    È partita una raccolta fondi organizzata da Antonio Molisso sulla piattaforma  GoFundMe per aiutare i figli della coppia di san Giovanni a Teduccio morta...

    Napoli, arrestato il complice del rapinatore che ferì l’ingegnere

    Napoli. E' stato arrestato anche il secondo rapinatore che la sera del 29 marzo 2023 partecipò al tentato omicidio di un ingegnere che stava...

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE