Napoli, celebrato su TikTok il killer di piazza Nazionale

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli.“Tanti auguri al papà migliore per i miei figli. Ti sceglierei alle mille volte…io e i tuoi figli siamo fieri di te e saremo sempre al tuo fianco.. ti amo ammor my carnal”.

E’ la video dedica che la compagna di Armando Del Re ha pubblicato su TikTok insieme ai suoi figli per il compleanno del killer mancato di Piazza Nazionale a Napoli: era il 3 maggio del 2019 quando Del Re, che aveva il compito di uccidere Salvatore Nurcaro,  ferì gravemente la piccola Noemi.

La video dedica è accompagnata prima da foto di Del Re con i suoi figli e con in sottofondo una canzone neomelodica che recita  “Pa legge si nu carcerat però pe nuje si o meglio pat…”. E poi una ventina di secondi del detenuto che parla con i suoi attraverso una videochiamata accompagnati in sottofondo dal brano di Gigi Finizio “Solo tu” con le parole  “…passeranno gli anni e ne verranno altri più belli quando sarà dura balleremo a piedi scalzi…”.

    La vicenda è stata segnalata dal consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli che sulla sua pagina facebook scrive: “Dall’ OsservatorioTikTok che abbiamo istituito per combattere e denunciare il degrado culturale e la celebrazione della malavita:
    “Questo è Armando Del Re, il criminale che sparò all’impazzata a Piazza Nazionale provocando il grave ferimento della piccola Noemi che rischiò di perdere la vita. I familiari continuano ad omaggiarlo sui social e a rendere pubbliche le immagini dei videocolloqui dal carcere”.

    Proprio l’altra mattina in piazza Nazionale a Napoli è stato inaugurato per la seconda volta il murale dedicato a Noemi che era stato vandalizzato e deturpato con scritte ingiuriose e  disegni osceni.

    Nel frattempo si attende la pronuncia finale della Cassazione: Armando Del Re e e il fratello Antonio sono stati condannati rispettivamente a 18 anni e 6 mesi di carcere e 14 anni.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE