Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Casoria

Casoria, in giro su scooter senza assicurazione e con un’arma artigianale: denunciati due giovanissimi

Pubblicato

in



Casoria, in giro su scooter senza assicurazione e con un’arma artigianale: denunciati due giovanissimi.

Stanno proseguendo sul territorio del comune di Casoria i servizi di alto impatto organizzati dalla locale compagnia dei Carabinieri su impulso del Comando Provinciale di Napoli.

 

I militari di via Pio XII stanno concentrando gli sforzi non soltanto nelle aree centrali ma anche in alcune zone periferiche della città caratterizzati da recenti gravi fatti di cronaca.

Controllate 152 persone e decine di veicoli. Sono state accertate violazioni al codice della strada per oltre 7mila euro. Nella serata di ieri una donna è stata denunciata per contrabbando di sigarette. La signora 53enne nascondeva nella sua abitazione 72 “bionde” illegali per un peso complessivo di 1 chilo e mezzo.

Particolare attenzione anche ai ragazzi di Casoria. Un 21enne ed un ragazzo non ancora 16enne sono stati fermati mentre erano  in sella a uno scooter. I due – senza casco e con la moto priva di copertura assicurativa – son stati controllati. Nel corso della perquisizione i due sono stati trovati in possesso di un coltello artigianale, formato da una lama di taglierino ed un manico in legno. L’arma – sequestrata – era nascosta nel vano cassetto del mezzo guidato dal minorenne. I controlli, già avviati nelle scorse giornate, saranno ripetuti.

Continua a leggere
Pubblicità

Casoria

Napoli, evade dai domiciliari a Scampia e con un complice va a rubare a Casoria: arrestati

Pubblicato

in

Ancora un arresto dei Carabinieri della Compagnia di Casoria, segnale di una presenza visibile e rassicurante in città.

Nel corso di uno dei quotidiani servizi di controllo del territorio disposti dal Comando Provinciale di Napoli, i militari della sezione radiomobile di Casoria, della stazione di Casavatore  e della tenenza di Arzano hanno individuato e arrestato per furto in abitazione Santo Vancone – 49enne di Marianella e Nicola Spisso, 40enne di Scampia, entrambi già noti alle ffoo . Vancone era già ai domiciliari dal maggio scorso e risponderà anche di evasione.

Sono stati sorpresi in Via Benedetto Croce, nella frazione di Arpino di Casoria. Erano entrati all’interno di un’abitazione da poco tempo disabitata forzandone la finestra quando alcuni vicini di casa – raccogliendo l’appello a rivolgersi senza indugi alle forze dell’ordine – hanno allertato il 112.
Il forte rumore ha tradito le intenzioni dei due che, dopo pochi minuti dall’allarme, si sono visti accerchiati. L’intero stabile è stato circondato dai Carabinieri e nonostante un tentativo di fuga, i due sono finiti in manette. Tradotti nelle aule del tribunale di Napoli Nord sono ora in attesa di giudizio.
Sequestrato il materiale utilizzato per il furto: 4 cacciaviti, 1 palanchino in metallo, un tubo di ferro, una chiave a becco, guanti.

L’arresto di questa notte è frutto di un capillare controllo del territorio messo in atto nei comuni della provincia a nord di Napoli dai Carabinieri della Compagnia di Casoria, su disposizione del Comando Provinciale di Napoli. Controlli che appena due notti fa hanno portato all’arresto di 3 persone per furto in abitazione e che garantiscono al cittadino una presenza percepibile e rassicurante in strada.
Nel solo mese in corso sono oltre 3mila le persone controllate, 1600 circa i veicoli. Centinaia le contravvenzioni notificate in violazione del cds. I controlli saranno intensificati anche nei prossimi giorni.

Continua a leggere



Casoria

Simula rapina per giustificare il denaro sperperato al videopoker: denunciato39enne

Pubblicato

in

simula rapina

Arzano. Simula rapina per giustificare il denaro sperperato al videopoker. 39enne denunciato dai Carabinieri.

Ha speso una discreta somma di denaro per puntarla al videopoker e per evitare che la famiglia lo scoprisse ha denunciato ai carabinieri una finta rapina. Ha 39 anni ed è di Arzano l’uomo denunciato per simulazione di reato dai Carabinieri della stazione di Casoria. Il suo racconto ai militari è sembrato subito poco convincente.
Era a Napoli – in auto – e percorreva Viale Umberto Maddalena quando è stato affiancato da due malviventi in moto. Armati di pistola l’hanno costretto ad accostare e gli hanno portato via un orologio, una collanina, lo smartphone ed il portafogli.

Insospettiti dall’atteggiamento poco trasparente del 39enne, i militari hanno scoperto che la sua auto – nell’ora in cui lamentava di essere stato rapinato – fosse altrove, in un’altra zona della città di Napoli. Messo alle strette l’uomo ha ceduto e ha raccontato di aver venduto tutto per assecondare la sua ludopatia.

Continua a leggere



Le Notizie più lette