Centinaia di biglietti acquistati sul sito Alitalia per la Sardegna, ma i voli non risultano

SULLO STESSO ARGOMENTO

Sono centinaia i risparmiatori che da due giorni stanno cercando di contattare i numeri Alitalia (anche quello a pagamento) per avere informazioni sul mancato invio per posta elettronica dei biglietti per la tratta Roma-Olbia per i mesi di luglio ed agosto, regolarmente pagati con carta di credito, ma senza ricevere alcuna risposta.

 

Dopo aver terminato l’iter di pagamento, infatti, un messaggio invita i passeggeri a contattare telefonicamente ‘Casa Alitalia al numero 0665649′ scusandosi per il disagio.
Alcuni, dovendo partire in questi giorni, e non ricevendo risposta, sono stati costretti ad acquistare un nuovo biglietto aereo con altre Compagnie.

Non e’ la prima volta che succedono disguidi sulla tratta più gettonata per le vacanze estive in Sardegna. L’anno scorso un volo della Compagnia di bandiera registrò un ritardo di oltre quattro ore ed alcuni consumatori hanno chiesto l’indennizzo previsto dalla normativa europea.

    In relazione a questa nuovo danno causato dall’Alitalia a molti consumatori, l’Associazione Giustitalia sta raccogliendo le adesioni per denunciare l’accaduto alla Procura della Repubblica di Roma, potendosi ravvisare gli estremi della truffa on line, e per adire il Tribunale Civile per una richiesta risarcitoria.

    Tra le altre cose la Compagnia di bandiera e’ stata segnalata all’Autorità competenze presso il Ministero dei Trasporti per mancata indicazione sul sito ufficiale di un indirizzo P.E.C.


    Torna alla Home

    Napoli, operaio morto: oggi sciopero degli edili. La figlia: “Questo sterminio deve finire”

    Napoli. La figlia di Antonio Russo l’operaio di 63 anni di Giugliano morto due giorni fa nel cantiere della Metro di Capodichino chiede: “Dignità e verità per mio padre. Questo sterminio deve finire”. Oggi sciopero di 8 ore degli edili mentre l'inchiesta della Procura di Napoli fa i suoi...

    Napoli, era a Materdei la centrale telefonica delle truffe agli anziani

    Napoli. Era a Materdei la centrale telefonica delle truffe agli anziani, gestita dalla famiglia di Giovanni Uccello insieme ai figli Alfonso ed Eduardo. Era in un appartamento in viale dei Gesuiti. Mentre Giuseppe Romanelli “’o zio” fungeva da anello di collegamento tra i capi dell’organizzazione e i “trasfertisti”. Una banda...

    CRONACA NAPOLI