Dal carcere gli Esposito rifornivano le piazze di spaccio di Caserta e Casagiove: 5 arresti

SULLO STESSO ARGOMENTO

Fornivano cocaina, hashish e marijuana ai “gestori” di piazze di spaccio a Caserta e Casagiove: 5 arresti. Gli Esposito comandavano dal carcere.

 

Nella mattinata odierna, nella provincia di Caserta e in Caivano, i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Caserta hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia partenopea, nei confronti di 5 persone, ritenute, a vario titolo, responsabili di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti.

I provvedimenti restrittivi (tutti agli arresti domiciliari) costituiscono il risultato di un’attività investigativa, condotta attraverso un’ampia piattaforma tecnica e mirati servizi di osservazione a riscontro, coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli – Direzione Distrettuale Antimafia, avviata nel luglio 2017, che ha consentito di contestare ai sottonotati indagati:



    – ESPOSITO Antonio e Stefano, nonostante lo stato detentivo, riuscivano a procacciarsi ingenti quantitativi di stupefacente (cocaina, hashish e marijuana) per poi fornire ad ulteriori soggetti “gestori” di piazze di spaccio in Caserta e Casagiove;

    – FIANO Nicola e MARTUCCI Pietro, oltre a dirigere le piazze di spaccio ed i relativi proventi si occupavano, in prima persona, dell’approvvigionamento dello stupefacente in Caivano, negoziando le quantità e il prezzo. In particolare, il FIANO aveva detenuto, per conto della famiglia Vasapollo, articolazione del Clan Sautto–Ciccarelli, ingenti quantitativi di stupefacenti presso la propria abitazione (nel gennaio del 2018 si procedeva al suo arresto poiché trovato in possesso di 500 gr. di marijuana);

    – DATTOLO Morris, era l’incaricato del ritiro e del trasporto delle partite di stupefacente che venivano successivamente spacciate anche all’interno del bar gestito all’ epoca dal FIANO.

    I soggetti colpiti da ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari sono:

    1. ESPOSITO Antonio (CL. 1993);

    2. ESPOSITO Stefano (CL. 1991);

    3. FIANO Nicola (CL. 1991);

    4. MARTUCCI Pietro (CL. 1988);

    5. DATTOLO Morris (CL. 1994).


    Torna alla Home


    Napoli, presi i ladri dei Decumani: furto di un Rolex da 50mila euro a un turista

    Traditi dalla targa dello scooter e grazie alla caparbietà degli investigatori due esperti e spericolati ladri di orologi di lusso stamane sono finiti in manette. La Polizia di Stato ha infatti eseguito questa mattina un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Napoli nei confronti di...

    Per non sentirti sola, ultimo singolo di Kira

    Kira pubblica il suo ultimo singolo intitolato "Per non sentirti sola", una canzone che nasce da una profonda esperienza personale e affronta tematiche universali legate alla perdita e al processo di lasciar andare. La canzone trae ispirazione da una storia personale di Kira e offre un'emozionante riflessione sul dolore della...

     Avellino, paziente di Napoli risarcito di 45mila euro dall’ospedale Moscati

    L'Ospedale Moscati di Avellino ha concordato di versare un risarcimento di 45mila euro per evitare una condanna giudiziaria in relazione a un caso di intervento inutile a cuore aperto su un uomo di cinquant'anni proveniente da Napoli. Lo Studio Associati Maior, che ha rappresentato il paziente, ha confermato che quest'ultimo...

    Napoli, appello dei tassisti: ‘Subito un piano traffico serio’

    L'associazione dei tassisti di base di Napoli ha inviato un appello al Comune per chiedere un piano traffico più efficace e duraturo. Nella lettera inviata ai vertici dell'amministrazione, si sottolinea l'importanza di adottare misure che permettano una circolazione più fluida, specialmente in vista delle festività del 25 aprile e del...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE