Fase 2, in Campania è vietato giocare a carte nei circoli ricreativi

SULLO STESSO ARGOMENTO

Circoli ricreativi riaperti, ma senza la possibilità di utilizzare “strumenti di gioco per i quali non è possibile una disinfestazione a ogni turno”, come il gioco delle carte.

 

E' il divieto applicato in Campania previsto nel protocollo di sicurezza allegato all'ordinanza firmata dal presidente della Regione, , che prevede anche la riapertura di circoli ricreativi e culturali dal prossimi giovedì 28 maggio. Nel documento si da indicazione di “privilegiare l'attività a piccoli gruppi di persone, garantendo sempre il rispetto della distanza interpersonale anche durante le attività di tipo ludico” mentre per le attività che prevedono la condivisione di oggetti.

 

    Ad esempio giochi da tavolo, biliardo, bocce, si indica di “adottare modalità organizzative tali da ridurre il numero di persone che manipolano gli stessi oggetti, ad esempio predisponendo turni di gioco e squadre a composizione fissa, e obbligare comunque all'uso della mascherina e alla disinfezione delle mani prima di ogni nuovo gioco” prospettando anche la possibilità di rilevare la temperatura corporea degli utenti, il rispetto del distanziamento interpersonale di almeno un metro e la sanificazione degli ambienti. Devono, infatti, essere disinfettati, prima e dopo ciascun turno di utilizzo, “i piani di lavoro, i tavoli da gioco e ogni oggetto fornito in uso agli utenti”.



    Torna alla Home


    telegram

    Bimbo di 5 mesi muore azzannato dal pitbull di famiglia

    Un'immane tragedia ha colpito la comunità di Palazzolo Vercellese. Un bambino di soli cinque mesi è morto dopo essere stato azzannato da un cane di grossa taglia, un pitbull, all'interno della sua abitazione. I soccorsi sono stati immediati, ma purtroppo per il piccolo non c'è stato nulla da fare. Il...

    L’allarme di Arcigay: 149 casi di violenza o discriminazione nell’ultimo anno

    Nell'ultimo anno sono stati registrati 149 casi di violenze o discriminazioni ai danni di persone LGBTQI+, con una media di uno ogni due giorni. L'allarme e i dati sono forniti da Arcigay, che tiene il conto degli articoli di stampa e, in occasione della giornata internazionale contro l'omofobia, la...

    IN PRIMO PIANO