Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Cronaca Napoli

Partorire ai tempi del Covid, il Cardarelli lancia i corsi di accompagnamento alla nascita on-line

Pubblicato

in



Inizierà martedì 14 aprile 2020 il primo corso di accompagnamento alla nascita dell’Azienda Ospedaliera Antonio interamente realizzato on-line, un corso che si svolgerà in classi virtuali composte da ginecologi, ostetriche, anestesisti e neonatologi. “La nostra risposta ad una crisi che non può e non deve fermare attività importanti come la corretta preparazione al delle nostre pazienti”, spiega il direttore generale Giuseppe Longo.

Grazie all’impegno di tutto il personale dell’Unità Operativa Complessa di Ginecologia e Ostetricia diretta da Claudio Santangelo, e con il sostegno della direzione sanitaria, in tempi record il ha organizzato le classi virtuali alle quali sono già iscritte più di 140 future mamme. “Quando il nostro primario ci ha evidenziato l’esigenza di implementare un corso di accompagnamento alla nascita on line – dice il direttore sanitario Giuseppe Russo – abbiamo accolto la proposta con entusiasmo. L’adesione ricevuta dalle nostre utenti ci conferma che siamo riusciti a rispondere ad un’esigenza molto sentita”.

Un corso del tutto gratuito, chiaramente, che partirà proprio dal fornire alle donne le necessarie informazioni sul modo in cui affrontare il in concomitanza del rischio Covid-19. Le lezioni saranno in diretta e consentiranno alle future mamme, grazie alla tecnologia impiegata, di interagire con i medici per chiarire ogni dubbio o rispondere ad eventuali domande. “Abbiamo ricevuto moltissime mail di adesione – spiega il direttore dell’Unità Operativa Complessa di Ginecologia e Ostetricia Claudio Santangelo – valuteremo la possibilità di accettare anche altre iscrizioni e, se necessario, istituire ulteriori classi virtuali”. Per maggiori informazioni sul corso o per eventuali suggerimenti è possibile scrivere alla mail ostetriciaeginecol@libero.it

Pubblicità

Cronaca Napoli

Mascherine e igienizzanti non a norma sequestrati a cittadini cinesi a Napoli

Pubblicato

in

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli ha rafforzato anche in questo fine settimana il dispositivo dei controlli volti a verificare il rispetto delle misure di contenimento della diffusione del virus SARS-CoV-2.

In totale, tra venerdì e domenica, sono state controllate su tutta la provincia 613 persone e 112 attività commerciali. Sono state 14 le sanzioni complessive, tra denunce all’Autorità Giudiziaria e segnalazioni al Prefetto.
In particolare, il 2° Nucleo Operativo Metropolitano ha sottoposto a sequestro, nel centro storico del capoluogo, 3.900 mascherine non a norma in possesso di una cittadina di origine cinese e oltre 5.500 tra mascherine, igienizzanti, termometri elettrici e articoli di cancelleria, privi della marcatura CE di conformità e delle informative in lingua italiana che aveva invece un cittadino bengalese.
La Compagnia di Giugliano in Campania ha sanzionato i titolari di due ristoranti per inadempienze relative all’Ordinanza Regionale in materia di contenimento del rischio di contagio da Covid – 19 (omessa rilevazione della temperatura corporea ai dipendenti e omessa esibizione del registro delle sanificazioni).
Le Compagnie di Torre Annunziata, Torre del Greco e Casalnuovo di Napoli hanno sanzionato complessivamente 7 soggetti; 3 di essi circolavano in orario notturno senza giustificati motivi, 4 non indossavano i dispositivi di protezione individuale.
Inoltre, come spesso succede, dai controlli anti Covid sono emerse anche situazioni illecite tipicamente d’interesse delle Fiamme Gialle.
La Compagnia di Giugliano in Campania ha sottoposto a sequestro a Qualiano, 750 kg di materiale esplodente per complessivi 15.000 pezzi (fuochi pirotecnici artigianali e classificati F4), altamente pericolosi in quanto prodotti artigianalmente e detenuti senza alcun rispetto della normativa vigente.
Nella flagranza del reato i 3 responsabili, tutti di nazionalità italiana, sono stati tratti in arresto.
Il Gruppo Pronto Impiego ha sequestrato nel capoluogo, tra i quartieri Piscinola, Scampia, e Volla, 2,3 kg di t.l.e. di contrabbando nei confronti di un cittadino di nazionalità italiana, denunciato a piede libero, e 5 grammi tra hashish e marijuana nei confronti di due cittadini italiani, segnalati al Prefetto.
Il 2° Nucleo Operativo Metropolitano ha effettuato, nel locale vico VII Duchesca, ha effettuato il sequestro di 114 cravatte del noto marchio Marinella contraffatto.

Continua a leggere

Le Notizie più lette