De Luca: ‘Da fine mese mascherine obbligatorie per tutti per uscire di casa’

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Il presidente della Lombardia ha fatto un’ordinanza per rendere obbligatorio l’uso della mascherina fuori casa, noi non l’abbiamo fatto perché vogliamo prima mettere in produzione 3 milioni, 3 milioni e mezzo di mascherine, poi faremo alla fine del mese anche noi un’ordinanza che rende obbligatorio l’uso”. Lo ha annunciato il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca.” Non torneremo alla vita normale – ha spiegato De Luca – a partire dalle cose più semplici: le mascherine. Per mesi dovremo indossarle, perché anche se spegniamo i focolai, la quantità di cittadini asintomatici è enorme. Stiamo lavorando su questo obiettivo, la nostra idea è cominciare a distribuire le mascherine dalla prossima settimana alle farmacie, ai medici di medicina generale, alle residenze sanitarie assistite, alla Caritas, ai servizi sociali dei Comuni”.
“Si sta ragionando sulla fase due. E’ del tutto evidente che siamo chiamati a fare un altro sacrificio di due settimane, e’ difficile per tutti ma rischiamo di perdere tutto per una impazienza che sarebbe ingiustificata”. Lo ha detto il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, in diretta streaming. De Luca spiega che la ripresa non ci sarà quando si avrà la certezza di aver risolto il contagio ma “quando si avrà la certezza che e’ stato contenuto il contagio cioè è stato bloccato il percorso di crescita delle infezioni, contiamo di a bloccato il percorso di crescita delle infezioni contiamo di arrivare a questo risultato tra fine aprile e inizio maggio”. Poi chiama in causa la ripresa delle attività economiche: “Gia’ a fine mese ad esempio pensiamo all’edilizia che comporta attività lavorativa all’aperto, potremo dare respiro alle attività di manutenzione delle strutture balneari”. E poi ci sono “attività alimentari, di produzione di cibo preconfezionato da consegnare a domicilio, alla fine del mese potremo cominciare a far ripartire queste attività”.

DALLA HOME

Castellammare, il pentito: “Quel giorno non dovevamo uccidere Tommasino ma gambizzare un imprenditore”

Castellammare. Il pomeriggio del 3 febbraio del 2009 Gino Tommasino non doveva morire. Il commando di killer del clan D'Alessandro era in giro per compiere un'altra missione: dovevano gambizzare il titolare dei campi di calcetto che si trovano a pochi metri dall'abitazione del consigliere comunale del Pd poi ucciso. Ma...

CRONACA NAPOLI

LEGGI ANCHE