Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Caserta e Provincia

La Meloni ai giudici: ‘Ho paura per mia figlia, quell’uomo di Caserta ha minacciato di portarmela via’

Pubblicato

in



“Ho paura per mia figlia che ha appena 3 anni. La notte non dormo per questa vicenda, per le minacce che quest’uomo mi ha rivolto via Facebook. Lui sosteneva che gliel’ho strappata, che la bambina era sua, che prima o poi sarebbe venuto a riprendersela a Roma”. E’ la drammatica testimonianza che Giorgia Meloni, leader di Fratelli di Italia, ha tenuto oggi davanti ai giudici della prima sezione penale di Roma nel processo che vede imputato per stalking, Raffaele Nugnes, arrestato dalla Digos lo scorso 31 luglio nella provincia di Caserta. Giorgia Meloni, parte civile in questo procedimento, ha spiegato ai giudici di aver appreso dei messaggi minatori solo quando, piu’ o meno in contemporanea, e’ stata allertata dalla Digos e da sua sorella, alla quale era arrivato un video intimidatorio riconducibile all’imputato. Nugnes, finito ai domiciliari per questa vicenda, era stato raggiunto anche da un foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno per due anni nella provincia di Roma, su provvedimento del Questore, perche’ intenzionato a scoprire dove abitasse la parlamentare. “Io questo uomo non l’ho mai visto ne’ conosciuto – ha chiarito Giorgia Meloni in udienza -. Ma il mio modo di vivere e’ ovviamente cambiato. Se questa persona pubblica un messaggio di questo tenore ‘hai tempo tre giorni per venire dove sai, se non vieni sai cosa succede, vengo a Garbatella…’, voi capirete bene il mio stato d’animo. Io non mi sono mai accorta di aver ricevuto quei messaggi. Lui li pubblicava solo sulla sua pagina Fb”. 

Continua a leggere
Pubblicità

Campania

Torna in carcere il boss Pasquale Zagaria

Pubblicato

in

pasquale zagaria

Torna in carcere boss Pasquale Zagaria.Era agli arresti domiciliari da aprile, trasferito nel carcere di Opera.

 

Torna in carcere Pasquale Zagaria, ergastolano e fratello del capoclan dei Casalesi Michele. Il boss e’ stato trasferito questa mattina nel carcere di Opera a Milano, la struttura individuata dal Dap come luogo idoneo per la detenzione. Zagaria era stato scarcerato ad aprile dal giudice di sorveglianza di Sassari, lo stesso che ha poi sollevato questione di legittimita’ costituzionale contro il decreto Bonafede.

Continua a leggere



Caserta e Provincia

Coronavirus, il dg Asl: ‘Nel Casertano preoccupano i micro-focolai’

Pubblicato

in

Ha superato quota 1500 il numero di positivi al Coronavirus da inizio pandemia, con un trend di crescita vertiginoso da inizio settembre, quando fu superata la soglia simbolica di 1000 contagiati da marzo.

Oggi sono 1554 i positivi in totale, 57 in piu’ di ieri, altro record giornaliero per il Casertano; in venti giorni sono emerse 550 nuove positivita’, che portano gli attuali positivi, ovvero persone che hanno scoperto di aver contratto il coronavirus nell’ultimo mese e mezzo, a 647 casi. I guariti da inizio pandemia sono 859 (22 in piu’ di ieri), mentre aumentano le persone in quarantena per aver avuto contatti stretti con i positivi; ad oggi sono 1029 (piu’ 32 rispetto alla giornata di ieri). Nel capoluogo CASERTA si riscontra il maggior numero di positivita’ attuali: sono 70, mentre ad Aversa le guarigioni stanno facendo calare gli attuali positivi (sono 59); focolai si continuano inoltre a registrare in centri meno popolosi come Casal di Principe (49 casi), Castel Volturno (54) e Marcianise (35), ma situazioni con un media di una decina di contagiati si osservano in una dozzina di Comuni di Terra di Lavoro. Crescono costantemente anche i ricoverati al Covid Hospital di Maddaloni, che conta complessivamente 65 posti letto (50 per contagiati non gravi e 15 per la terapia intensiva): sono 55 attualmente i positivi in ospedale, di cui quattro in terapia intensiva, e una quindicina in ossigeno-terapia.

“Non registriamo piu’ cluster – spiega il direttore generale dell’Asl di CASERTA Ferdinando Russo – ma mi preoccupano molto i micro-focolai, che sono tanti e sparsi ovunque sul territorio; sono perlopiu’ conseguenza dei rientri dalle ferie, irguardano tanti nuclei familiari, e lentamente l’eta’ media del contagio si val alzando: se quindi giorni fa era sotto i trenbt’anni, oggi si e’ spostata oltre i 40. Da lunedi’ 28 settembre – prosegue Russo – saranno disponibili al Covid Hospital altri venti posti letto per degenti meno gravi, mentre da domani – aggiunge il manager Asl – attiveremo venti posti letto a Teano per la terza fase Covid, ovvero per quei soggetti clinicamente guariti ma che hanno bisogno di ancora tempo per una completa negativizzazione. Si e’ quasi concluso inoltre lo screening dell’Asl di CASERTA, fatto con test rapidi ed eventuali tamponi, al personale scolastico, in vista dell’imminente ripresa dell’anno di studi; nei prossimi giorni l’Asl avra’ in dotazione tamponi con metodica veloce, e dara’ il via anche ad una forte campagna di sensibilizzazione per il vaccino antinfluenzale, che quest’anno, con la pandemia da Coronavirus in atto, acquista un’importanza basilare”.

Continua a leggere



Pubblicità

Pubblicità

DALLA HOME

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Gestito da Google FeedBurner

Le Notizie più lette