Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Napoli e Provincia

Ritrovato a Portici il 18enne scomparso dalla provincia di Verona

Pubblicato

in



Lieto fine per il 18enne scomparso domenica scorsa dalla casa che divide con i genitori a Sant’Ambrogio di Valpolicella, in provincia di Verona. Il giovane e’ stato ritrovato, nei pressi della chiesa di San Pasquale nell’omonima piazza a Portici (NAPOLI) dai Carabinieri della stazione locale. A quanto si apprende, le sue condizioni di salute non desterebbero preoccupazione. Del suo caso se ne e’ occupato anche il programma Rai ‘Chi l’ha visto?’

Continua a leggere
Pubblicità

Afragola

Il Tribunale del Riesame di Napoli Nord deciderà sull’arresto dell’ex senatore Nespoli

Pubblicato

in

La Procura di Napoli Nord, con il pm Patrizia Dongiacomo, ha chiesto nuovamente l’arresto per l’ex senatore Vincenzo Nespoli, che deve rispondere di tentata concussione.

Venerdi’ la richiesta sara’ discussa davanti al tribunale del Riesame di Napoli. Il gip del Tribunale di Napoli Nord, Valentina Giovanniello, aveva rigettato la misura cautelare chiesta dagli inquirenti, e la procura ha impugnato la decisione davanti al tribunale della Liberta’. “Il provvedimento con il quale il gip di Napoli Nord ha rigettato l’arresto e’ giuridicamente ineccepibile – sottolinea l’avvocato Rosario Pagliuca, legale dell’ex senatore – siamo fiduciosi sull’esito del pronunciamento da parte dei giudici”.

Secondo la Procura i fatti si sarebbero verificati ad Afragola (Napoli), dove Nespoli e’ impegnato in una campagna contro la ditta che si sta occupando del servizio di nettezza urbana. La societa’ e’ inadempiente e Nespoli, per i pm, avrebbe tentato di costringere il dirigente dell’Ufficio Ambiente del Comune di Afragola a indire una nuova gara di appalto per sostituire la ditta attuale.

Continua a leggere



Area Vesuviana

Stato di agitazione alla Falco Spa di Striano, azionista del gruppo Trony

Pubblicato

in

Dopo l’incontro del giorno 05 agosto 2020 presso gli uffici amministrativi in sede della società Falco S.p.A. azienda fornitrice all’ ingrosso di elettrodomestici, appartenente al gruppo Trony, dove la stessa Azienda si impegnava a pagare con la firma del loro Consulente del Lavoro, rinomato su tutto il territorio napoletano, in qualità di rappresentante della stessa, per alcune delle mancanze retributive non riconosciute ai lavoratori, quali: indennità di trasferta e festività; dopo oltre un mese ed in conclusione dell’ accordo, ieri sera è saltato tutto, poiché, la stessa società con una sorta di ricatto, chiedeva che i lavoratori firmassero in conciliazione un nulla a pretendere per tutta la loro vita lavorativa, altrimenti, non li avrebbe pagati né il pregresso pattuito e conteggiato e né messi in tutela contrattuale riconoscendogli i diritti per il futuro, nulla a che vedere con quanto, sia noi come Organizzazione Sindacale e sia i lavoratori stessi, abbiamo rivendicato.

Sono 9 mesi di vessazioni e le solite anomalie per i pagamenti sui cedolini paga, dove per prassi consolidata molte aziende del territorio applicano ai dipendenti, sempre la formula del ricatto: “se ti sta bene prendi questo oppure puoi andare!”.
Ma c’è da dire altro, durante le trattative e per andare incontro economicamente alla stessa azienda, i lavoratori erano disposti anche alla decurtazione di quanto conteggiato nel pregresso e accettavano la conciliazione in sede sindacale, ma nulla è servito, nonostante la stessa CUB Trasporti mirava a regolarizzare sia i lavoratori per tutelarli contrattualmente e sia lo stesso datore di lavoro, infatti, si legge nella lettera inviata all’ azienda – “si fa presente che, il rispetto del CCNL di riferimento presente nei cedolini paga dei dipendenti è una tutela sia per il lavoratore che per il datore di lavoro, quindi, lavorare ed essere retribuiti per quanto stabilito dal CCNL è un diritto”.

Purtroppo, molti padroni pretendono che i lavoratori si prestino nelle maestranze anche 14 ore di lavoro giornaliere, ma ugualmente gliene paga 8, perché pagare uno straordinario o una festività per questi signori: è un di più, un piacere e se alzi la testa, c’è sempre la formuletta…
Migliorare la qualità della vita dei lavoratori all’ interno dei luoghi di lavoro è imprescindibile, infatti, da questo momento, si metteranno in atto tutte le azioni consentite dalla Leggi vigenti per tutelare questi lavoratori, che chiedono solo di essere rispettati e retribuiti per il loro lavoro, per il loro diritto.

Continua a leggere



Le Notizie più lette