Scarichi illegali nel fiume Sarno: sequestrato un autolavaggio di Castellammare di Stabia e denunciata la titolare

google news

I carabinieri del Noe di Napoli, nel corso delle attività finalizzate al contrasto dei reati ambientali legati al ciclo dei rifiuti urbani e speciali, hanno intensificato i controlli volti a verificare situazioni di inquinamento ambientale dell’area territoriale del con particolare riferimento agli scarichi industriali provenienti dalle aziende private e agli scarichi urbani non depurati, immessi nel corso del fiume. Numerose le attività industriali\aziende sottoposte a controllo recependo tra l’altro segnalazioni di privati cittadini ed associazioni. Nel corso delle verifiche i militari del Noe hanno accertato che le acque reflue industriali di un a Castellammare di Stabia, utilizzate nel ciclo lavorativo, venivano immesse direttamente in un canale confluente del fiume Sarno, senza alcun trattamento o depurazione. L’impianto di depurazione infatti, seppur presente, non era funzionante e veniva bypassato attraverso una tubazione di plastica che dalla vasca di raccolta delle acque reflue recapitava nel canale di bonifica dell’adiacente fiume. E’ stato accertato inoltre uno stoccaggio illecito di fanghi delle fosse settiche che non venivano smaltite da oltre un anno. Al termine degli accertamenti l’autolavaggio, esteso su una superficie di circa 500 mq, è stato sottoposto a sequestro, e la titolare dell’attività è stata denunciata alla Procura della Repubblica di per gestione illecita di rifiuti e scarichi non autorizzati.