Napoli. E’ attesa nei prossimi giorni la decisione dei giudici della Corte d’Appello di Napoli sulla richiesta di scarcerazione per Alexandr Korshunov, 57enne manager russo della United Engine Corporation, società sussidiaria della Rostec, arrestato lo scorso 30 agosto all’aeroporto di NAPOLI Capodichino su richiesta degli Stati Uniti per spionaggio industriale. La richiesta avanzata dai legali di Korshunov, gli avvocati Nicola Di Mario, Carlo Cornicchia e Natale Perri, è stata discussa oggi davanti all’ottava sezione della Corte d’Appello di Napoli: presente in aula anche Korshunov, oltre al sostituto procuratore generale Lorenzo Salazar, ai suoi legali e a un traduttore in lingua russa. I legali di Korshunov hanno depositato un’ulteriore memoria difensiva e hanno evidenziato la questione della giurisdizione degli Stati Uniti “per fatti che, per lo stesso bureau americano, si ritiene siano stati commessi in Italia”. Il termine per la decisione, non ordinatorio, è di 5 giorni. Korshunov, spiega l’avvocato Di Mario, “è in buone condizioni fisiche, certamente provato da questa vicenda, ma è uomo di esperienza e spessore: confida nella giustizia italiana e nell’accoglimento della nostra richiesta”.

Redazione
Contenuti Sponsorizzati